Barcellona PG. Carcere, arrestati i due evasi in nottata: ricerche anche in mare per un fuggitivo

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Sono stati catturati nel giro di poche ore da unità della Polizia Penitenziaria, in collaborazione con altre forze di polizia e della Guardia Costiera, i due detenuti evasi ieri sera dalla casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto.

Il primo, Castronovo Angelo, 20enne, di Palermo è stato subito bloccato dal personale della Polizia Penitenziaria nelle vicinanze dell’istituto di pena; il secondo, Gallaro Emanuele, 23enne, di Siracusa, è stato catturato in nottata congiuntamente dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto e dal personale della Polizia Penitenziaria. 1 due fuggitivi dovranno rispondere del reato di evasione.
L’arresto del primo evaso è stato possibile grazie all’immediato intervento del personale in servizio della Polizia Penitenziaria che ha subito lanciato l’allarme e diramato le ricerche, tanto che il giovane è stato immediatemente bloccato e catturato non distante dalla casa circondariale, da parte di un agente della Polizia Penitenziaria libero dal servizio che lo ha riconosciuto, rincorso e bloccato.
La cattura del secondo evaso è arrivata durante le ore notturne, grazie ad una manovra di ricerca congiunta tra i Carabinieri della Compagnia di Barcellona Pozzo di Gotto ed il personale della Polizia Penitenziaria di Barcellona, coordinati dal Sost. Proc. di turno presso la Procura della Repubblica di Barcellona Pozzo di Gotto, Dr.ssa Federica Paiola.
Il primo evaso, dopo essere stato catturato, su richiesta specifica del personale della polizia penitenziaria forniva indicazioni circa la possibile posizione del secondo evaso, indicando come probabile luogo di destinazione la zona del mare di Barcellona.
A tal riguardo, il personale della polizia penitenziaria di Barcellona si dirigeva nelle zone balneari di Calderà e Spinesante, ove dopo una breve ricerca riconosceva e individuava sulla spiaggia di Calderà la presenza dell’evaso. A quest’ultimo, il personale della Polizia
Penitenziaria intimava di fermarsi ma lo stesso anziché aderire alla richiesta si tuffava in mare. Immediatamente il personale della Polizia Penitenziaria allertava la Capitaneria di Porto di Milazzo e si attivava un servizio di vigilanza e presidio lungo la spiaggia.
Infatti, veniva presidiata la spiaggia nel tratto compreso tra Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo anche da parte dei militari dell’ Arma, che attivavano il Nucleo Subacquei Carabinieri di Messina per l’impiego dell’unità navale, nonché di altro personale della Polizia Penitenziaria sopraggiunto dal Nucleo Provinciale traduzioni e piantonamenti di Messina inviato dal Provveditorato Regionale dell’ Amministrazione penitenziaria di Palermo.
Dopo qualche ora di ricerca, quindi, l’uomo veniva avvistato in acqua, tra Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo, all’altezza di c.da Gronda, da parte dei militari dell’ Arma, quindi, veniva raggiunto dalla motovedetta della Capitaneria di Porto di Milazzo che provvedeva a recuperare il giovane e a condurlo al porto di Milazzo dove veniva tratto in arresto incolume dai militari del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Barcellona e dal personale della Polizia Penitenziaria della casa circondariale di Barcellona e del personale di supporto giunto da Messina.
L’arrestato, al termine delle formalità di rito, veniva tradotto nuovamente presso la casa circondariale di Barcellona Pozzo di Gotto e dovrà rispondere, insieme all’altro detenuto, del reato di evasione.
Le operazioni sono state seguite dal Comandante della Polizia Penitenziaria di Barcellona P.G. presente sin da subito presso l’Istituto unitamente al Direttore della Casa Circondariale.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.