Barcellona PG. Inaugurato il “Giardino di Salva” nuova opera di Nino Abbate

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Nel pomeriggio di domenica 4 novembre 2018 è stato inaugurato a Barcellona Pozzo di Gotto il “Giardino di Salva” nuova opera di Nino Abbate, fondatore e direttore del Museo Epicentro di Gala.

Proprio a fianco del celebre e prestigioso Museo della Mattonella si trova questa realizzazione artistica nata dall’estro di Abbate che ha voluto dedicare alla compagna di vita e d’arte Salva Mostaccio qualcosa di veramente bello e sorprendente. Prima dell’inaugurazione vera e propria si è tenuto un incontro di presentazione nella sala principale dell’Epicentro, moderato dalla giornalista Cristina Saja. Dopo l’introduzione di Nino Abbate, che ha ringraziato lo scultore Salvatore De Pasquale, seduto fra il pubblico, per il fattivo contributo ed i saluti istituzionali dell’Assessore Ilenia Torre e del Consigliere Melangela Scolaro, ha preso la parola il primo relatore Nino Genovese che ha definito Nino e Salva i nuovi Dioscuri; a seguire Marcello Crinò si è soffermato sulle opere d’arte posizionate a contatto con la natura ed il verde. Infine Carmelo Eduardo Maimone ha illustrato il rapporto uomo/arte dal punto di vista filosofico. Tutti i relatori sono presenti in un Catalogo presentato per questa occasione. Salva Mostaccio ha letto alcune sue poesie.

Quindi ci si è spostati nel “Giardino di Salva” e la coppia ha tagliato il nastro permettendo al numerosissimo pubblico accorso di poter finalmente scoprire questa realizzazione, frutto di tanti sacrifici di Nino Abbate che, dopo un anno di duro lavoro, ha trasformato un informe terreno in uno scrigno contenente poesie, sculture, percorsi d’acqua, fiori, acqua, alberi, con testi poetici di autori storici come: Gauntana Buddha, Dalai Lama, Milena Milani, Giancarlo Politi, Jaques Prèvert, George Bernard Shaw, Robert Louis Stevenson, Lao Tzu. I nostri complimenti a Nino Abbate che ancora una volta sorprende con il proprio estro di artista poliedrico regalando alla comunità barcellonese ed al mondo dell’arte qualcosa di bello.