Barcellona PG. La Fidapa e Valentina Certo al Liceo Classico “Luigi Valli”

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

La Fidapa BPW Italy, la cui Presidente della sez. cittadina è la dott.ssa Ilaria Cammaroto, regala alla città un evento imperdibile: la presenza a Barcellona Pozzo di Gotto, sabato 12 gennaio 2019 alle ore 17.30, della nota storica dell’arte Valentina Certo.

Un ritorno a distanza di poco tempo infatti la dott.ssa Certo era stata ospite della Corda Fratres nei giorni scorsi e adesso la rivedremo nella bella cornice di una scuola storica della città del Longano, il Liceo Classico “Valli” di Via degli Studi, oggi sede centrale dell’Istituto d’Istruzione Superiore Liceo “E. Medi”, per presentare il proprio fortunatissimo libro “Caravaggio a Messina. Storia e arte di un pittore dal cervello stravolto”, edito da Giambra Editori.

Sarà proprio il Dirigente dello stesso Liceo, la prof.ssa Domenica Pipitò, a dare un indirizzo di saluto in apertura dell’evento insieme alla stessa Presidente Fidapa Ilaria Cammaroto. Quindi si darà il via agli interventi moderati dall’archeologa dott.ssa Grazia Salamone. Relazioneranno la prof.ssa Daniela Celi, docente di Storia dell’Arte presso l’Istituto “E. Medi” e l’artista e restauratore Santo Arizzi. Prevista una Live painting a cura dell’artista Giuseppe Siracusa. Lo studente liceale Guglielmo Sirausa e la Vice Presidente della Fidapa dott.ssa Tania Crisafulli leggeranno alcuni passi significativi dell’opera.

Scendendo nei particolari del testo di Valentina Certo “Caravaggio a Messina” indaga il rapporto tra Michelangelo Merisi detto il Caravaggio (1571-1610) e la città di Messina soffermandosi in particolare sulle vicende relative al soggiorno dell’artista nella città mamertina, tra il 1608 ed 1609, ricostruite attraverso testimonianze coeve, o immediatamente successive, finora poco note e studiate. Nella prima parte si procede ad una opportuna contestualizzazione storica della Sicilia con particolare riferimento alla città di Messina e le vicissitudini urbanistiche, sociali, economiche e artistiche tra la fine del ‘500 e l’inizio dell’600, nonché quelle biografiche del pittore attraverso i documenti e gli scritti dell’epoca, senza tralasciare le ultime pubblicazioni. Il secondo capitolo è dedicato al soggiorno messinese di Caravaggio, analizzato attraverso le biografie, le fonti scritte in città ed un attento studio del contesto artistico e culturale, dei luoghi e delle personalità incontrate dall’artista Lombardo. Dalla Resurrezione di Lazzaro, all’Adorazione dei Pastori, Valentina Certo si sofferma anche sulle numerose e presunte opere dipinte da Caravaggio a Messina, per ricostruire la storia e la proficua attività artistica di un pittore definito da un suo committente messinese dal cervello stravolto.