Barcellona PG. L’evento “Jam 4 the Future” con l’Associazione “Peppe Alesci” all’Ex Pescheria 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Si è svolto ieri, 3 maggio 2019, dal pomeriggio e fino a tarda sera nei locali del Perditempo un evento all’insegna della salvaguardia del nostro pianeta: “Jam 4 the Future”. 

Nella riqualifica zona della ex Pescheria sono state esposte splendide opere d’arte realizzate esclusivamente con materiale da riciclare, lavori realizzati dai bambini delle scuole barcellonesi che con la loro arte, vogliono ricordarci, non solo l’importanza del riciclo ma anche la voglia di lavorare insieme per far sì che il nostro mondo sia sempre più bello.

 

Ha organizzato questo importante appuntamento l’Associazione “Peppe Alesci” insieme ad altre realtà cittadine che basano la loro attività sulla tutela dell’ambiente, quali Legambiente del Longano con il suo Presidente Carmelo Ceraolo, il Centro Giovanile Cairoli e la realtà Fridays For Future.

È stato preparato uno splendido buffet di dolci offerto dagli organizzatori e successivamente via libera alla “JaM4FuturE”, con la presenza di tanti musicisti. Durante la serata sono state consegnate delle targhe di partecipazione ai bambini!

 

 

Abbiamo incontrato la giovanissima Sabrina Alesci, Vice

presidente dell’Associazione organizzatrice e sorella di Peppe Alesci, il ragazzo morto per un tumore a cui è intitolata l’Associazione, che ci ha dichiarato: “In occasione della Giornata della Terra abbiamo deciso di organizzare questo evento, siamo giovani e dai giovani devono partire queste iniziative volte a sensibilizzare la gente. Abbiamo coinvolto i bambini sia perché facciamo un progetto con le scuole su tre campi – bullismo, integrazione, riciclaggio – sia proprio perché sin dall’infanzia occorre partire per infondere valori positivi negli uomini di domani. La nostra Associazione si occupa di aiutare i giovani malati oncogici come è stato mio fratello; lui purtroppo non c’è l’ha fatta ma molti lottano e vincono però hanno bisogno di aiuti economici, un viaggio, un albergo, un medicinale costoso. Noi tramite le donazioni della gente operiamo in questo ambito”.