Guardia di Finanza, avvicendamento al vertice del Comando Provinciale di Messina da Tomei a Mastrodomenico

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Si è tenuta oggi, all’interno della Caserma “Stefano Cotugno”, alla presenza del Comandante
Regionale Sicilia della Guardia di Finanza, Gen. D. Riccardo Rapanotti e delle autorità civili,
militari e religiose cittadine, la cerimonia militare di avvicendamento nella carica di Comandante
Provinciale di Messina tra il Gen. B. Vincenzo Tomei e il Col. t. SFP Gerardo Mastrodomenico.
Il Generale Tomei, lasciando il Comando dopo due anni di permanenza, ha rivolto un sentito
saluto ai rappresentanti delle Istituzioni e ha manifestato il proprio orgoglio per aver avuto la
possibilità di dirigere un Comando che opera in un’ampia e importante provincia, che ha
imparato a conoscere e apprezzare per la ricchezza del patrimonio e delle tradizioni storiche,
culturali e sociali. Il Generale Tomei ha inoltre sottolineato come il Corpo della Guardia di
Finanza ha continuato a fornire un significativo apporto per la tutela della legalità economico-finanziaria a salvaguardia dei cittadini onesti e delle imprese sane, anche contribuendo alla
formazione della cultura dell’educazione alla legalità economica, mediante i numerosi e ripetuti
incontri con gli studenti presso le scuole della Provincia.
L’ufficiale ha espresso parole di apprezzamento per la concreta azione svolta, sotto il
coordinamento del Comando Provinciale, da tutti i finanzieri di ogni ordine e grado,
evidenziandone la professionalità e l’impegno, caratteristiche che hanno consentito di
pervenire, anche nell’ultimo biennio, ad eccezionali risultati, conseguiti in ogni settore
istituzionale, dalla lotta alla Criminalità organizzata, alla corruzione, all’evasione fiscale e agli
sprechi di risorse pubbliche.
Al riguardo, in tale periodo sono stati proposti per il recupero a tassazione oltre 235 milioni di
euro di base imponibile, scoperti 160 evasori totali, 862 lavoratori in nero e irregolari,
denunciate 593 persone per indebita percezione di finanziamenti europei, nazionali e di natura
previdenziale per 20 milioni e 800mila euro, sono stati condotti accertamenti patrimoniali nei
confronti di 301 soggetti con proposte di sequestro per oltre 52 milioni di euro.
Significative alcune indagini concluse nel settore delle frodi carosello, del riciclaggio, del traffico
di sostanze stupefacenti e del contrasto agli interessi economici di consorterie di stampo
mafioso.
Nella sua allocuzione il Gen. B. Tomei, destinato a nuovo incarico alla sede di Genova, ha
inteso ringraziare, tra gli altri, i rappresentanti della magistratura di Messina, Barcellona Pozzo
di Gotto e Patti, della Prefettura, delle altre Forze Armate e di Polizia per la costante sinergia
che ha contraddistinto e consolidato gli intensi e proficui rapporti istituzionali.
Il nuovo Comandante, il Col. t. SFP Gerardo Mastrodomenico, quarantacinque anni, sposato
con due figli, è laureato in Giurisprudenza ed in Scienze della Sicurezza Economico-finanziaria
ed è giunto a Messina al termine del corso di Perfezionamento per le Forze di Polizia,
proveniente da Roma, dove per sei anni ha ricoperto il complesso incarico di Comandante del
Gruppo Investigazione Criminalità Organizzata.
In passato, il nuovo Comandante Provinciale ha ricoperto analoghi incarichi sia alla sede di
Reggio Calabria sia a quella di Palermo, operando sempre nel delicato comparto nel contrasto
alla criminalità organizzata di matrice mafiosa.
Nella sua allocuzione, il Col. Mastrodomenico ha sottolineato l’importanza di un convinto gioco
di squadra, quello della “squadra stato”, frutto della sinergia e collaborazione con le altre Forze
di Polizia – mediante l’adozione di modelli di coordinamento ed investigativi condivisi – con le
Autorità Giudiziarie e con le Agenzie Fiscali.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.