Milazzo. Commissione liquidazione chiede ricognizione del patrimonio disponibile. Revisione partecipate, nuova delibera al vaglio in consiglio

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

La commissione straordinaria di liquidazione ha inviato una comunicazione al dirigente del servizio Patrimonio, Tommaso La Malfa, al sindaco Formica e al segretario Riva per chiedere “di avviare una ricognizione del patrimonio disponibile rientrante nella gestione liquidatoria sulla base delle rilevazioni inventariali approvate nel maggio dello scorso anno. La ricognizione – si legge nel documento – è finalizzata a garantire una adeguata integrazione della massa passiva”.

Intanto il presidente della prima commissione consiliare Antonio Foti ha aggiunto all’ordine del giorno della seduta in corso l’argomento “Revisione delle società partecipate”, sul quale il Consiglio comunale si è comunque pronunciato nel dicembre dello scorso anno.

Nel provvedimento trasmesso dagli uffici comunali alla presidenza del consiglio e quindi a tutti i consiglieri e che contiene anche il parere favorevole dei revisori dei conti, sono inseriti gli enti dai quali il Comune mamertino dovrà disimpegnarsi e la relativa motivazione.

La dismissione riguarderà il  Centro mercantile Sicilia, la Sogepat srl e il Gac. Il Comune continuerà ad essere presente invece nell’Ato Me 2, nella Srr Messina-Area metropolitana e nel Gal Tirreno-Eolie.

«Un atto – ha spiegato il presidente Antonio Foti – che rientra nelle previsioni del testo unico che regola le società a partecipazione pubblica. Con la delibera del dicembre 2018 abbiamo definito la tipologia di enti dai quali staccarci, sulla scorta di una revisione straordinaria delle partecipazioni del 2016, adesso occorre fare altrettanto per l’anno 2017».

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.