Milazzo. Operatore Aias indagato per maltrattamenti, associazione “Diverso da chi!”: “Fiducia in magistratura auspichiamo giusta pena”

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

L’associazione “Diverso da chi!” nella persona del Presidente, del consiglio direttivo e dei soci, manifesta profondo sconforto e contrarietà avverso la notizia apparsa nei giorni scorsi sui giornali, relativamente ai gravi e presunti episodi di maltrattamento perpetrati da un operatore dell’Aias Barcellona Pozzo di Gotto, sezione di Milazzo nei confronti di minori affetti da patologie e/o disturbi neuropsichiatrici.

Queste le parole contenute in una nota a firma del Presidente dell’associazione “Diverso da chi!” pervenuta in redazione: “La nostra associazione condanna fermamente ogni atto di violenza fisica e psichica nei confronti di ogni soggetto e pertanto manifesta la propria condanna nei confronti degli episodi di cui sopra. L’atto risulta essere ancor più deplorevole, se si pensa che il presunto colpevole era colui alle cui cure i familiari affidavano, fiduciosi, i propri cari.”

Incisive e perentorie le conclusioni del comunicato: “Considerato che la nostra associazione è formata da genitori e parenti di soggetti con handicap, già profondamente preoccupati per il presente ed il futuro dei nostri familiari, questo presunto episodio ha turbato ancor di più il nostro vivere quotidiano al pensiero del ‘dopo di noi’. Sicuri e fiduciosi nel lavoro della Magistratura inquirente auspichiamo che la stessa commini la giusta pena nei confronti di qualsiasi responsabile.”