Telefonia Mobile, al via i rimborsi a ben 10 milioni di utenti 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

“Vittoria! Habemus rimborsum! Era ora! Finalmente si chiude una brutta e vergognosa vicenda e viene riconosciuto il sacrosanto diritto dei consumatori di riavere quello che le compagnie telefoniche hanno indebitamente percepito violando le delibere dell’Authority”, esulta Massimiliano Dona, presidente dell’Unione Nazionale Consumatori, che aggiunge: “Ora le compagnie dovranno restituire i giorni illegittimamente erosi. I giorni di rimborso che ciascun operatore dovrà riconoscere in fattura ai propri utenti dovrà riguardare il periodo compreso tra il 23 giugno 2017 e la data in cui è stata ripristinata la fatturazione su base mensile, ossia i primi giorni di aprile 2018. Gli operatori dovranno posticipare la data di decorrenza della fattura per un numero di giorni pari a quelli erosi (eventualmente spalmati su più fatture)”.

Una bellissima notizia che i nostri lettori accoglieranno con soddisfazione dopo la sentenza definitiva del Consiglio di Stato, che ha respinto il ricorso di Vodafone, Fastweb e Wind 3. Nella questione dovrebbe rientrare anche Tim e sarsnno coinvolti ben 10 milioni di clienti ai quali sono stati “illegittimamente erosi giorni” a partire dal giugno 2017, con il risultato di pagare, di fatto, tredici mensilità annue.