Novara di Sicilia. Al via il “Nov’aria Festival”. Teatro, musica, arte in uno dei Borghi più Belli d’Italia 

  • Facebook
  • Twitter
  • Google Plus
  • Add to favorites
  • Email
  • RSS

Dal 19 al 21 agosto 2019 a Novara di Sicilia (ME) è in programma il “Nov’Aria Festival” edizione zero. Teatro, musica, arte per abitare creativamente uno dei Borghi più Belli d’Italia con laboratori creativi, corsi di dialetto novarese, camminate per le vie del paese e spettacoli.

Al centro del progetto c’è il modo di vivere il paese, non le semplici esibizioni, c’è la partecipazione dei cittadini e la condivisione di luoghi ed esperienze. Un progetto che nasce dal basso, dalla volontà di un Collettivo di novaresi, con l’associazione L’Impegno Soccorso Civile Novarese, il patrocinio del Comune di Novara di Sicilia e la collaborazione della Pro Loco.

Il Festival ha l’intento di attraversare in maniera creativa il paese dopo i giorni della festa della Madonna Assunta e la grande affluenza di persone, coinvolgendo cittadinanza e artisti nel vivere in maniera diversa strade e piazze, favorendo un’esperienza partecipativa, di ascolto e scambio.

Il programma si apre lunedì 19 agosto alle ore 11.30 con il corso di novarese itinerante, per conoscere le basi del dialetto gallo-italico e scoprire luoghi inconsueti (incontro presso la Pro Loco in Via Duomo 18), un appuntamento che si ripeterà anche nelle altre giornate. Alle 16.30 si parte da Piazza Michele Bertolami per una passeggiata fino a Piazza Abbazia e per “L’ora di storia” a cura di Andrea Orlando, astrofisico e presidente dell’Istituto di Archeoastronomia Siciliana, con un racconto che ripercorre la storia del territorio dal riparo mesolitico della Sperlinga, alla Rocca Salvatesta, all’insediamento della prima Novara e alla stretta relazione con l’Altopiano dell’Argimusco. Sempre il 19 agosto alle 18.00 Laboratorio di bolle di sapone giganti per bambini e adulti in Piazza Michele Bertolami. A seguire presentazione del progetto AMIRAT, che nasce nel territorio di Mirabella Imbaccari (CT), dove trovano accoglienza richiedenti/beneficiari di protezione internazionale, con la mission di una sartoria aperta al territorio, che partecipa al Festival in gemellaggio con il Circolo dei Punti, associazione novarese che divulga l’arte del tombolo e del ricamo. Alle 19.30 in Piazza Bertolami si prosegue con diverse performance libere. Dopo la cena, nei locali del centro, alle ore 21.30 in Piazza Duomo lo spettacolo della compagnia pisana Scenica Frammenti, erede di una compagnia di giro del ‘900, una vera e propria famiglia teatrale. La giornata si conlcude con una jam session itinerante per le vie del centro.

Martedì 20 agosto, la giornata si apre alle ore 11.30 con la seconda puntata del corso accelerato di novarese (partenza dalla Proloco in Via Duomo 18); alle 12.30 passeggiata da Piazza Duomo al Castello, luogo del primo insediamento della Novara saracena, con maccheronata per artisti e pubblico (su prenotazione al Ristorante il Castello); a seguire “Metafisica del maiorchino”, l’antico gioco della ruzzola del formaggio spiegato da alcuni appassionati. Il pomeriggio è tutto itinerante: alle 16.30 ci si sposta in Piazza Bertolami per “Dinamica del Maiorchino”, dimostrazione pratica lungo la via Duomo, accompagnata dalle note di musicisti della Banda locale. Di seguito si scende verso il seicentesco Mulino Giorginaro, per una visita con performance in uno degli antichi mulini che popolavano il Torrente San Giorgio, per poi spostarsi verso Piazza Sant’Antonio dove sono collocati altri interventi artistici con vista sulla valle di Favea, ultimo lembo di territorio novarese, facendo ritorno alle 19.30 in Piazza Bertolami. Alle ore 20.30 tutti invitati in Piazza Duomo per la Cena Condivisa: gli artisti incontrano la cittadinanza. Il pubblico porta un contributo culinario in cambio di un contributo artistico.

Mercoledì 21 agosto ultima giornata di Festival contraddistinta ancora dalle camminate per il paese: ore 11.30 corso accelerato di novarese (partenza sempre dalla Pro Loco in via Duomo 18); alle ore 16.30 Laboratorio di Paorgiu (la tradizionale trottola novarese) in un luogo che sarà definito nel corso delle giornate. Alle ore 17.30 Laboratorio di Giocoleria aperto a partecipanti di tutte le età, in Piazza Michele Bertolami. A seguire, interventi artistici e musicali per le vie del centro che si concludono in Piazza Duomo.

Gli artisti che hanno confermato la partecipazione sono il mimo Lino Pantano, il menestrello Dario Venturella, la compagnia pisana Scenica Frammenti, erede di una compagnia di giro del ‘900, una vera e propria famiglia teatrale. Inoltre saranno presenti i Fratelli Ruggeri, maestri burattinai, e alcuni responsabili e beneficiari di AMIRAT, progetto di sartoria aperta al territorio.

La partecipazione artisti è ancora aperta contattando la Pagina Facebok Nov’Aria Festival, dove si possono trovare anche tutti gli aggiornamenti al programma.

La filosofia del Nov’Aria Festival edizione zero. 

Questa edizione è vissuta come un grande sopralluogo, un attraversamento creativo, un’esperienza da fare insieme, artisti e pubblico, camminando per le vie del paese, ponendo domande sul filo della memoria per tracciare nuovi percorsi e raccontare storie inedite.

Il borgo di Novara di Sicilia. 

Novara di Sicilia è un Comune situato a 650 mslm in provincia di Messina, tra i Monti Peloritani e i Nebrodi, un borgo dalla storia antica, isola linguistica gallo-italica, un luogo che vanta un grande patrimonio architettonico, paesaggistico e culturale, testimoniato dalle chiese e dai palazzi del centro, dal settecentesco Teatro Riccardo Casalaina, dai percorsi escursionistici e dalle tradizioni religiose e civili. Sopra tutte la Processione della Madonna Assunta del 15 agosto.

Associazione L’Impegno

L’associazione svolge attività di soccorso e trasporto malati, attività socio culturali e sportive, organizza manifestazioni, escursioni e svolge attività di promozione e tutela del territorio.