Barcellona PG. Teresa Vario vince la IX edizione del Premio Internazionale di “Poesia Circolare” al Museo Epicentro

Condividi:
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Macrolibrarsi

Si è tenuta nel tardo pomeriggio di ieri, domenica 14 luglio 2019, presso il giardino del Museo Epicentro di Gala a Barcellona Pozzo di Gotto (ME), la Cerimonia di Premiazione del IX Premio Internazionale di “Poesia Circolare”. La poetessa Teresa Vario ha vinto sbaragliando la concorrenza con la poesia “Alla nobilissima Civitas”. 

Secondo posto per Anna Cappella con “L’Amen”, terzo per Cinzia Pitingaro con “Alba d’autunno” mentre il Premio “Milena Milani” è andato a Rita Cottone con “Mai parole inutili” ed il Premio della Critica a Anna Bartiromo con “Gocce del divenire”.

L’atteso evento, presentato come da tradizione dalla giornalista Cristina Saja, si è aperto con il saluto ai poeti ed al pubblico presente da parte di Nino Abbate, Direttore del Museo della Mattonella, che ha ringraziato i rappresentanti della stampa donando loro una mattonellina di terracotta ricordo “La Donna Alata” ed ha poi ceduto il microfono all’Assessore alla Cultura Angelita Pino, la quale ha portato i saluti istituzionali definendo l’Epicentro “un piccolo angolo di paradiso che purtroppo i costanti impegni della frenetica vita quotidiana non ci permettono di poter frequentare come vorremmo”. L’Assessore ha illustrato l’importanza del Museo, vero e proprio scrigno di arte contemporanea e la valenza internazionale di questo concorso chiudendo con il suo grazie “ai poeti ed al Maestro Abbate per aver creato questo luogo denso di magia e poesia, grazie da tutta l’Amministrazione comunale.”

A questo punto protagonista è diventata l’originale installazione di Nino Abbate artista “Tracce” con tanti sassolini di pietra pomice sparsi nella piazzetta del giardino, alcuni in versione naturale altri colorati di rosso (il sangue della violenza di questi nostri tempi) e l’immancabile cerchio con le orme all’interno delle quali era scritto il nome di poeti ed amici del Museo Epicentro che qui hanno lasciato traccia di sé. Infine un blocco di nera ossidiana (potrebbe indicare il lutto o la mancanza di rispetto per questo luogo) con la metallica “G” di Gala con particolare riferimento al Monastero Basiliano, patrimonio di inestimabile valore purtroppo caduto in abbandono. L’installazione è diventata performance con la recita di “Tracce” da parte di Salva Mostaccio. Versi bellissimi rivolti a poeti, filosofi, pensatori, “traccia della vostra traccia”. La Saja ha fatto quindi un excursus sulla storia del Premio di “Poesia Circolare”, al quale partecipò la grande Milena Milani con “Al centro del mondo”. Da allora è divenuta presenza costante ed importantissima e Nino Abbate ha ricordato il rapporto epistolare fra i due leggendo anche, con grande emozione, la poesia della Milani.

A seguire i poeti partecipanti al concorso e presenti nel giardino hanno recitato la propria poesia dentro il cerchio ricevendo una mattonella ricordo e vogliamo citarli uno per uno perché la loro presenza è stata importante in riferimento a quanto ha poi dichiarato Abbate. Giuseppe Pirri da Barcellona PG. “Luna”. Felice Mancuso da Barcellona PG. “La mia isola”. Giuseppe Lipari da Falcone “Buongiorno pensiero mio”. Gabriella Donato da Barcellona PG. “Nel sole”. Patrizia Donato da Barcellona PG. “Oro di parole”. Grazia Dottore da Messina “Aspetto le luci dell’alba”. Pino Cordaro da Barcellona PG. “Il dubbio”.

Si è proceduto poi alle Menzioni d’Onore e fra i sette premiati erano presenti solamente due poeti, Girolamo Squatrito  proveniente da Falcone e Daniela Ferraro arrivata da Locri. Nino Abbate si è detto deluso e rammaricato per l’assenza di ben cinque menzionati ed ha deciso di non citarli per cui anche noi ci limitiamo a scrivere esclusivamente dei due presenti. Il Direttore del Museo Epicentro ha anticipato che “con molta probabilità il prossimo Premio di Poesia Circolare, quello del decennale, sarà l’ultimo perchè così non mi va di continuare, i poeti che partecipano è giusto che assicurino la propria presenza e diano lustro al territorio ed al luogo in cui si organizza il concorso”.

Noi concordiamo perfettamente con il pensiero espresso da Nino Abbate poiché in tempi nei quali si vive sempre più interattivamente la Poesia, l’Arte dovrebbero essere condivise fianco a fianco, guardandosi negli occhi, ammirando i luoghi dell’arte e della cultura. Facendo una statistica abbiamo notato che su 88 poeti partecipanti all’edizione di quest’anno, ieri ne erano presenti all’Epicentro solamente in 14, francamente pochini. Ricordiamo infine la Giuria di questa IX edizione che è stata presieduta dal Prof. Nino Genovese e composta da Laura Mauro, Carmelo Maimone, Tanina Caliri e Salva Mostaccio. L’appuntamento è al prossimo anno per la Poesia Circolare ma il bellissimo Museo Epicentro continuerà a vivere per tutta l’estate ed il prossimo mese di agosto si preannunzia scoppiettante con nuove sorprese fra arte, poesia e performance che si sposteranno nell’attiguo “Giardino di Salva”.