Condividi:

Sarà presentato, a cura dell’Associazione Ossidi di Ferro, venerdì 27 maggio 2016al Perditempo di Barcellona Pozzo di Gotto, il nuovo romanzo di Lorenzo Zumbo, insegnante di professione e scrittore per vocazione, originario di Tonnarella. Dopo l’esordio con Mater, il nuovo viaggio narrativo di Zumbo, intitolato Il vento contaassi, nello spazio della sua origine, o delle sue origini si dispiega nel paesaggio siciliano tra la costa tirrenica della provincia messinese e il lembo più prossimo alle coste africane.

«Non c’è ordine in questo diario di viaggio. Non c’è direzione precisa. Solo la scrittura che oscilla tra lo scirocco e l’ombra di ore troppo brevi», ed è sempre la scrittura, che genera lo spazio della memoria e del tempo. Scrivere quindi diventa un linguaggio di affetti e di vita, un tracciato di figure, paesaggi e inquietudini che rendono tangibili la contiguità tra l’«ordine imposto dalla luce» e quello dell’oblio, dell’oscurità, del privato.

Con un linguaggio pulito, misurato e scorrevole, Zumbo scrive di sé come ognuno di noi potrebbe parlare di se stesso, e ci si ritrova a condividere pensieri e situazioni di una vita anche se non è la propria, perché in fondo siamo tutti parte di un libro, personaggi di un racconto.

A conversare di viaggi, Sicilia e origini ci saranno, insieme all’autore, Caterina Pastura della casa editrice Mesogea e Alessandro Motta, vicepresidente dell’Associazione Ossidi di Ferro che organizza, in collaborazione con il Perditempo, incontri letterari che hanno il gusto di schiette chiacchierate tra amici, di momenti di confronto su grandi e piccoli temi, di tempo piacevole da trascorrere insieme.

L’appuntamento è per venerdì 27 maggio, ore 18.30 al Perditempo di Via Longo, presso l’ex Pescheria a Barcellona Pozzo di Gotto.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.