Condividi:

Prima gara del 2016 per La Briosa Barcellona che torna al “PalAlberti” con la speranza di chiudere in maniera positiva il suo girone d’andata. Domani sera arriva la Lighthouse Trapani degli ex Demian Filloy, Gabriele Ganeto e coach Ugo Ducarello, per un derby tutto siciliano che, storicamente, non ha mai risparmiato emozioni.

Barcellona avrà l’occasione di riabbracciare gli ex giallorossi Ducarello, Filloy e Ganeto, ma sa anche di dover dare il massimo sul parquet per provare ad addolcire un momento parecchio amaro, caratterizzato da brucianti sconfitte. “Intanto dico subito che mi farà enormemente piacere riabbracciare un amico come Ugo Ducarello che sta facendo davvero molto bene a Trapani – ha affermato l’assistente allenatore Francesco Trimboli – Per quanto riguarda la partita, sappiamo benissimo che non sarà affatto semplice. In primis per il livello dei nostri prossimi avversari, poi per le nostre difficoltà di infermeria. Superfluo sottolineare anche come i derby siano partite diverse dalle altre. Sono sicuro che i nostri tifosi faranno di tutto per starci vicini a maggior ragione e spero che i nostri ragazzi che scenderanno in campo diano il massimo per dar loro qualche soddisfazione. Intanto speriamo anche di recuperare qualcuno dei nostri infortunati”.
“Sarà una partita durissima, ma spero che i nostri ragazzi siano all’altezza di affrontarla con il giusto atteggiamento – ha affermato il General Manager Vincenzo Catanesi– Dobbiamo essere aggressivi, come il nostro pubblico ci vorrebbe vedere. Dobbiamo assolutamente dare il meglio di noi stessi perché la società ovviamente ci tiene a fare bella figura in una gara così importante come un derby. Non sarà una partita come le altre, almeno per la nostra gente. Spero che i ragazzi capiscano che attorno a loro ci sono dei tifosi meravigliosi che stanno continuando a stare vicini alla squadra e si scuotano per regalare una gioia ai nostri sostenitori”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.