Condividi:

Un Igea Virtus bella e cinica, vince e convince al ‘D’Alcontres’, chiudendo la pratica Viagrande con un secco 2-0 grazie alla doppietta del ‘Gallo’ Antonio Cannavò sempre più bomber e leader del team del Longano. Giallorossi sempre più lanciati verso la promozione in serie D, e al 90′ giungono notizie positive dagli altri campi con il pareggio della Leonzio a Rosolini per 1-1. E prossima gara a Lentini per i giallorossi proprio con la Leonzio, partita delicata che potrebbe essere già un match-point importante per la promozione.

Il trainer giallorosso Peppe Raffaele deve fare a meno di Dall’Oglio in difesa, gli undici che scendono in campo scelti per far fronte alla sfida con il Viagrande sono: Inferrera tra i pali, Ravidà e Di Stefano centrali difensivi, Lanza ed Andaloro sulle fascie laterali, a centrocampo Cardia al centro, Mazzù e Biondo, mediani interni, in attacco solito trio formato da Cannavò-Isgrò-Genovese.

Cronaca della gara.

Al ‘D’Alcontres’ parte forte la squadra allenata da Peppe Raffaele che sblocca subito in avvio l’Igea Virtus con il bomber Antonio Cannavò che al 5′ piazza con una stoccata di testa la prima firma sulla gara, grazie ad una bella palla messa in area da Isgrò.

Nei minuti finali, si fa pericoloso il Viagrande con un tiro che lambisce il palo alla sinistra di Inferrera. Igeani al 45′ vicini al raddoppio con Genovese che ben servito in area di rigore piazza il tiro ma prende in pieno Cannavò che poi non trova il guizzo per insaccare frenato dai difensori ospiti.

Nella ripresa, al 4′ si fa vedere in avanti il Viagrande con un tiro da fuori area di Costa che termina sopra la traversa non impensierendo Inferrera.

Al 6′ Igea che imbastisce una bella azione d’attacco, con passaggio in verticale in area di rigore che termina sui piedi di Isgrò che da posizione defilata fa partire un bel tiro che lambisce il palo destro.

Il raddoppio arriva pochi minuti dopo a firma sempre di Cannavò, dopo che l’arbitro fischia per fallo di mano in area, e il ‘Gallo’ trasforma il penalty e lo stadio diventa una bolgia.

Sfiora il terzo gol al 10′ Isgrò, con un tiro a giro da dentro l’area di rigore deviato da Caruso. Al 18′ ancora Isgrò ben servito dalla destra che in area di rigore fa partire una bordata che termina alla destra del portiere. Meriterebbe la terza rete la squadra di Raffaele che come al solito fa la gara facendo vedere un gran bel gioco.

Forcing d’attacco finale dei giallorossi alla ricerca dell terza rete con Genovese e compagni che tentano di trovare il colpo del ko. Ci prova al 30′ ancora Genovese, con un tiro a giro che finisce a pochi centimetri dal palo destro del portiere ospite.

Mister Raffaele pensa a far rifiatare i suoi, primo cambio con Isgrò per Raveduto, pochi minuti dopo Genovese lascia il campo per Crifò.

Ultimi minuti di gestione palla per la squadra del presidente Nino Grasso, al fischio finale continua la festa tra gli spalti, con Ravidà e compagni che vanno a salutare i calorosi supporters giallorossi.

Arbitro Mucera di Palermo; Assistenti Barbata di Trapani e Chichi di Palermo

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.