Condividi:

L’Ottica Sottile brinda al primo successo nei play-off in un’Aia scarpaci gremitissima con più di 500 presenze sugli spalti. Dopo un’autentica battaglia durata ben oltre le due ore, Mazzeo e compagni hanno sfatato il tabù Capaci. E’ servito il primo tie-break casalingo della stagione alla Pallavolo Morgan per superare lo scoglio Capaci.

Ben 130 minuti di gioco hanno alla fine regalato un successo meritato ai gialloblù del Longano che, con un pizzico di determinazione e di cattiveria agonistica in più, visto l’andazzo dell’incontro, avrebbero anche potuto fare bottino pieno senza rubare nulla a nessuno. Nel primo set, dopo un avvio sostanzialmente equilibrato, una determinata e quasi perfetta Ottica Sottile (pochissimi gli errori nel primo parziale) prende davvero bene il ritmo partita e, con percentuali in attacco e contrattacco elevatissime, scava quasi subito un solco che poi arriverà fino a 6 punti, sul 25-19 con cui si andrà al cambio campo.

Bellissimo ed emozionante è il secondo parziale. Capaci mette sin dall’inizio il naso avanti e così sarà per quasi tutto il set. I palermitani però non riescono ad allungare il vantaggio di 2 – 3 punti che si mantiene per quasi tutta la durata della contesa ed allora Barcellona ne approfitta, riuscendo sul filo di lana ad agguantare gli ospiti e, successivamente a conquistare dapprima sul 24-23 e poi sul 25-24, due palle set. La Morgan avrebbe anche messo a terra la palla del 26-24 su un block-out, ma – in tutta sincerità in maniera assolutamente onesta – gli arbitri dopo aver dapprima dato punto e set ai barcellonesi, ritornano sui loro passi, invertendo la decisione. In uno scambio di emozioni infinito, in un Aia Scarpaci nel frattempo riempitasi all’inverosimile di pubblico ed ancor di più di tifo incessante, sarà però Capaci che con il punteggio di 27 a 29 si aggiudicherà il parziale, portandosi sull’uno pari. Nel terzo set Barcellona ha il grande merito di rimanere ben salda con i piedi per terra, non si scompone e parte subito fortissimo, scavando un break che diverrà ben presto incolmabile per i ragazzi di mister Mario Piras, che nonostante i due time-out discrezionali bruciati in un amen non riuscirà a far quadrare il cerchio. Testimonianza della supremazia assoluta dei ragazzi di Enza Torre è il 25-11 con cui l’Ottica Sottile si aggiudica il parziale portandosi in vantaggio nel computo dei set per 2 a 1. Ma proprio quando è il momento di dare sportivamente il colpo di grazia all’avversario, vuoi per un fin troppo eccessivo calo di concentrazione, vuoi per gli indiscutibili meriti dell’avversario, anche se con contorni decisamente più morbidi, possiamo dire che il quarto parziale sarà la fotocopia del terzo a parti invertite , con il Capaci che va in fuga e Barcellona che solo quando sarà troppo tardi tenterà una vana reazione per evitare l’epilogo del tie-break, che, per la prima volta in questa stagione, dopo il set point (17-25) di Arena, andrà in scena all’Aia Scarpaci. Dopo una partenza tutta di marca palermitana, saranno però i padroni di casa a comandare le operazioni di gioco del quinto ed ultimo set. Si va al cambio campo sull’8 a 6 per l’Ottica Sottile, che con calma e ordine amministra ed amplia il divario, allungando di due ulteriori punti (10-6). Un ultimo sussulto d’orgoglio ospite renderà meno severo lo score finale (15-12 per Barcellona), con la squadra di casa che, comunque, conquistato il match-point lo capitalizza immediatamente, vincendo set e partita. La Pallavolo W.G. Morgan Ottica Sottile festeggia così il primo successo in questi play-off, e lo fa con pieno merito dopo una partita a tratti davvero molto bella, che ha visto di fronte, ricordiamo, le due formazioni che hanno comandato per quasi tutto il campionato la graduatoria del girone A di Serie C Maschile. Ad imporsi questa volta è stata finalmente la squadra del Presidente Fazio, che, dopo aver incassato con il Capaci tre sconfitte in altrettanti match (2 di campionato ed uno in semifinale di Coppa), in questa circostanza è riuscita con assoluto merito, dopo una prestazione davvero positiva, ad aver ragione di un avversario che, seppur in formazione ampiamente rimaneggiata, ha dimostrato tutto il proprio valore. Un’ultima nota non possiamo non farla al pubblico che ha assistito all’incontro. Nonostante l’infelice orario fissato per l’inizio del match (19.30), anche questa volta l’Aia Scarpaci ha fatto registrare un super sold-out con una cornice di pubblico davvero degna di altri palcoscenici, per calore, colore e rispetto di atleti ed arbitri. Anche in questa circostanza, infatti, gli atleti del Capaci sono usciti tra gli applausi, ed hanno a loro volta ringraziato (anche sulla loro pagina ufficiale) il pubblico del Longano per lo spettacolo visto in tribuna. E questo, permettetecelo, importa più del risultato della partita. Aver ricreato l’entusiasmo per la pallavolo, in una città come Barcellona, che vive in primis di Calcio e poi di Basket, è per una società piccola ed umile quale la Pallavolo W.G. Morgan, motivo di orgoglio e soddisfazione.

Più di 500 persone all’Aia Scarpaci non le si vedevano dai tempi in cui proprio la palla a spicchi aveva fatto della palestra barcellonese il proprio, inespugnabile, fortino. Tornando a parlare di Pallavolo, prossimo match (secondo dei tre consecutivi casalinghi) Domenica 17 Aprile, alle ore 19.00 contro il forte Volley Valley Catania, attuale capolista del mini girone play-off con 2 successi pieni (0-3 a Capaci e 3-1 in casa con Pozzallo) in altrettante gare.

Ottica Sottile Barcellona – Lauria Elettronica Cicala Capaci 3-2 (25-19, 27-29, 25-11, 17-25, 15-12)

Ottica Sottile Barcellona: Mazzeo, Catania (L), Marchetta, Saccà, Trifilò, Di Lorenzo, Crisafulli, Saitta, Biondo, La Macchia, Gitto, Accetta. All. Enza Torre

Lauria: Todaro, Arone, Calì, Di Maggio, Arena, Sutera, Vassallo, Tamburello, Traina (L). All. Mario Piras Arbitri: Sozzi e Favara (Fipav CT). Spettatori: circa 500

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.