Area Marina Protetta di Capo Milazzo. Associazioni contro il Consiglio di Milazzo: “Rallenta approvazione dello statuto, danno per tutti”

Macrolibrarsi

Le Associazioni e i comitati territoriali ambientalisti di Milazzo e della Valle del Mela attaccano l’atteggiamento del Consiglio Comunale di Milazzo che per ben due volte ha rinviato l’approvazione dello statuto dell’area Marina protetta del Capo.

“Non è chiaro a molti, specie a chi viene quotidianamente soggiogato ad arte, – si legge nella nota  congiunta – che la mancata approvazione dello Statuto non permetterà a pescatori, sub e diportisti di praticare alcun tipo di attività. Un limite alla possibilità di godere delle straordinarie bellezze naturali e paesaggistiche del promontorio di Milazzo.
Si sta consumando un danno economico a discapito di molte famiglie (pescatori e sub) e di immagine alla Città di Milazzo dove le responsabilità sono chiare e individuabili da tutti. Senza l’istituzione del Comitato di gestione l’intera area verrà blindata e non sarà possibile fare attività.
Ripicche e veti politico-personali non possono frenare un modello di sviluppo sostenibile che è votato all’occupazione e a una economia che intende tutelare in primo luogo proprio i pescatori.
In occasione della presenza a Milazzo del Ministro all’Ambiente Costa, lo scorso 23 aprile, alcuni componenti del Consiglio Comunale si erano impegnati ad esitare la proposta di deliberazione in tempi celeri. Tra esame in commissione e ben due rinvii in Aula, la delibera è nelle mani dell’organo consiliare da oltre un mese e mezzo. Tutt’altro dall’impegno espresso nei confronti di un Ministro della Repubblica che attende l’approvazione dello statuto da parte dell’Ente.
Abbiamo ascoltato in Aula interventi privi di fondamento giuridico e scientifico col solo fine di alimentare populismo e demagogia. Un’azione politica distorta attraverso messaggi errati e fuorvianti che non rappresentano la realtà.
Chiederemo alla Capitaneria di Porto di Milazzo di intensificare ulteriormente i controlli nella zona per evitare l’accesso all’interno dell’Amp. Allo stesso tempo, valuteremo la possibilità di chiedere al Ministro Costa il commissariamento dell’Area Marina Protetta. L’onta peggiore e inevitabile, in caso di ulteriore atteggiamento palliativo, di cui si macchierà la Città di Milazzo e ancor più la politica locale che continua a galleggiare prendendo tempo su un argomento di vitale importanza per il territorio”.

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.