Condividi:

Nella sede municipale di Barcellona Pozzo di Gotto, davanti al notaio Dr. Sebastiano Biondo è stato stipulato stamattina l’atto pubblico che segna la formale costituzione della Società Consortile a Responsabilità Limitata “GAL TIRRENICO – MARE, MONTI E BORGHI”.

I Comuni che insieme a Barcellona Pozzo di Gotto hanno sottoscritto il capitale iniziale della Società sono quelli di Basicò, Castroreale, Falcone, Fondachelli Fantina, Furnari, Mazzarrà Sant’Andrea, Merì, Novara di Sicilia, Rodì Milici, Terme Vigliatore e Tripi – ai quali si unirà a breve anche quello di Oliveri – che uniscono le forze e le aspettative di un comprensorio che dalla costa del golfo di Tindari sale sino ad abbracciare quella corona collinare dei Peloritani che custodisce alcuni tra i borghi più belli d’Italia, con una popolazione residente di oltre 70.000 abitanti ed un tessuto produttivo nel settore agricolo di primordine.

La partnership pubblica, tuttavia, non esaurisce la compagine sociale del GAL, che comprende anche i soci del settore privato: Banca di Credito Cooperativo Antonello da Messina, La Chioccia Società Cooperativa, Unione Provinciale Agricoltura-Confagricoltura di Messina, IESMET-Istituto Mediterraneo di Scienza e Tecnologia, Associazione AMICI DEL MUSEO di Tripi, Pro Loco ARTEMISIA di Castroreale, Collegio dei Geometri e Geometri Laureati di Messina e AssoAico, Associazione sindacale di categoria per artigianato, agricoltura, industria, commercio.

Nell’ambito dell’organizzazione societaria disegnata dallo statuto, l’amministrazione della Società Consortile è affidata ad un consiglio di amministrazione formato da undici componenti, sei dei quali designati dai soci privati e cinque dai soci pubblici: in sede di costituzione Presidente del C.d.A. è stato nominato il Dr. Roberto Materia, quale Sindaco del Comune capofila.

Il partenariato del “GAL TIRRENICO – MARE, MONTI E BORGHI”, si completa con un nutrito gruppo – circa 60 – di partner non soci che collaboreranno col GAL a supporto dell’avvio della strategia di sviluppo locale; si tratta di partner di variegato profilo – Università, Centri studi, Istituzioni scolastiche pubbliche, Ordini professionali, Organizzazioni sindacali e di categoria, Associazioni (culturali, ambientali, etc.), società di management, imprese private e startup innovative, non soltanto locali (es., Università di Messina, ma anche di Reggio Calabria, di Sassari e di Ferrara, la Soprintendenza del Mare della Regione Siciliana, etc.), il contributo dei quali – nessuno escluso – non potrà che arricchire l’elaborazione strategica del GAL.

Oggi, comunque, si muovono i primi concreti passi del GAL come soggetto autonomo, portatore degli interessi socio-economici locali, sia pubblici che privati, chiamato ad elaborare ed attuare una Strategia di Sviluppo Locale di tipo partecipativo che sia in grado di esaltare la vocazione un’area di elevatissimo valore e di contribuire a favorire nuove opportunità occupazionali e imprenditoriali nei settori legati allo sviluppo rurale e collegati – turismo, beni culturali, agricoltura – nel quadro del Programma di Sviluppo Rurale della Sicilia 2014-2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva.

Il sindaco Materia ha tenuto a ringraziare tutti gli amministratori locali e i rappresentanti dei soci privati che con entusiasmo hanno aderito all’iniziativa, dei quali apprezza “l’ampia visione prospettica che guarda alla costruzione di un percorso solido di sviluppo locale che nella valorizzazione delle risorse del territorio sia in grado di coniugare l’innovazione con la tradizione”.

Consapevole della strada ancora da percorrere per il raggiungimento degli obiettivi di sviluppo locale, il Sindaco ringrazia anche il suo esperto, Arch. Roberto Sauerborn, alla cui iniziativa e al cui professionale supporto si deve il percorso di costruzione del GAL e sottolinea che il percorso resta aperto a tutti coloro i quali, soggetti pubblici e privati, vorranno ancora aderire.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.