Condividi:

Si è tenuto nella giornata di ieri, il primo incontro organizzativo del comitato locale Difendiamo i Nostri Figli per la città di Barcellona Pozzo di Gotto, da poco costituitosi con lo scopo di sostenere le prossime iniziative nazionali di Difendiamo i Nostri Figli e promuovere specifiche iniziative sul territorio.

“Il Comitato Difendiamo i Nostri Figli – realtà apartitica e aconfessionale che lo scorso 20 giugno ha portato in piazza un milione di persone a Roma contro la diffusione della teoria del gender nelle scuole e il DDL Cirinnà, che introdurrebbe unioni civili analoghe al matrimonio e la possibilità di adottare figli per le coppie omosessuali – fonda la propria azione culturale, sociale e politica su principi e valori irrinunciabili – che vengono di seguito esplicitati – operando con iniziative concrete idonee a promuoverli, garantirli e difenderli.

1. Il diritto alla vita di ogni essere umano, dal concepimento alla morte naturale, come fondamento di ogni altro diritto (Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, art. 3).

2. Promuovere, difendere e tutelare, ad ogni livello, la famiglia quale società naturale fondata sull’unione matrimoniale fra un uomo ed una donna, luogo sociale ed antropologico idoneo per la nascita, la crescita e la cura della prole (Costituzione della Repubblica art. 29, 30, 31).

3. Affermare e difendere il diritto di ogni bambino ad avere e crescere con una mamma/femmina ed un papà/maschio.

4. Affermare e difendere il diritto di ogni bambino di crescere ed essere educato nel rispetto ed in coerenza con la propria identità sessuata, maschio o femmina, contrastando in modo rigoroso e con ogni mezzo lecito la diffusione – soprattutto in ambiente scolastico – delle istanze proprie dell’ideologia “Gender”.

5. Affermare e difendere il diritto dei genitori alla responsabilità educativa dei propri figli, contrastando ogni tipo di ideologia che si ponga in contrasto con i valori educativi che i genitori hanno liberamente scelto.

6. Affermare il diritto – costituzionalmente riconosciuto e garantito – che nessuna persona, per nessuna condizione personale o sociale, possa essere oggetto di discriminazione, emarginazione o atti vessatori e di violenza e bullismo (Costituzione della Repubblica, art. 3).

7. Affermare e difendere il diritto alla libertà di pensiero, di coscienza e di religione, che devono essere garantiti nella loro libertà di espressione pubblica (Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo, art.18)”.

Infine il Comitato Difendiamo i Nostri Figli comunica che per informazioni e adesioni: Avv. Luca Basilio Bucca (3332336254 – avv.buccalb@gmail.com), Ing. Giuseppe Quattrocchi (3392471918 – quattrocchig@gmail.com).

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.