Condividi:

Un’ennesima tragedia della strada stavolta a Ponente, è toccata ad un ragazzo di 16 anni nel pomeriggio di oggi intorno alle 17.30, a perdere la vita a seguito di un violento impatto con un palo dell’illuminazione.

E’ un giorno triste per la comunità barcellonese e soprattutto per i tanti giovani della città del Longano che conoscevano Aurelio Hasaj, che oggi nel giorno del suo compleanno piangono la sua prematura scomparsa. Il ragazzo di origini albanese, sembra che nello scontro a bordo del suo scooter avrebbe battuto con il volto, riportando serie conseguenze all’addome e al torace. Da comprendere ancora le dinamiche dell’incidente, anche se pare che sullo scooter ci sarebbe stata un’altra ragazza (per quest’ultima solo escoriazioni) e il giovane indossasse il casco.

Il 16enne era stato subito trasportato all’Ospedale Fogliani di Milazzo dove è stato sottoposto anche ad un intervento chirurgico. Purtroppo un destino amaro, in questo brutto venerdì 17 marzo, è toccato al povero ragazzo appartenente all’Associazione la Fenice di Barcellona Pozzo di Gotto, quest’ultima si è stretta subito attorno al dolore dei familiari e parenti.

Intanto su Facebook sono tante le testimonianze di affetto e di dolore da parte di amici e conoscenti nei confronti di Aurelio Hasaj.

Parole di sgomento e tristezza che rispecchiano i sentimenti di tanti giovani barcellonesi e non solo, da parte del presidente della Consulta Giovanile, Tindaro Di Pasquale: “Interpetando il sentimento di dolore di tutti i componenti della Consulta Giovanile Comunale, esprimo a nome della stessa la tristezza e il senso di desolazione che una morte così prematura ha ,in noi, generato.  Siamo vicini alla famiglia di Aurelio e ci uniamo in un abbraccio ideale a tutti gli amici della associazione la Fenice che piange la perdita di uno dei suoi più cari ragazzi. Abbiamo visto e conosciuto Aurelio in più occasioni. Un ragazzo buono e bello che conservava tanti sogni. Apprendere questa tragedia – conclude Di Pasquale – proprio mentre eravamo in assemblea è stato terribile. Terribile”.

 

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.