Condividi:

L’associazione culturale Mondonuovo su suggerimento della scrittrice, storica  e saggista barcellonese Patrizia Zangla, ha organizzato Venerdi’ 20 Maggio 2016 alle ore 18,30 nella Sala Convegni Oasi ex Monte di Pieta’ di Barcellona Pozzo di Gotto (Messina) un Convegno sul tema: “La tragica fine di Aldo Moro ha modificato il percorso della Democrazia italiana ed ha lasciato domande senza risposte”.

Messina è una provincia che sente fortemente il legame con la tradizione democratica del Paese e vuole ricordare quell’evento traumatico di 38 anni fa costituito dal rapimento dell’on. Aldo Moro, presidente della Dc, culminato, dopo 55 giorni di sequestro con il suo assassinio.

Questo il programma dei lavori:

Saluti ai convegnisti di Roberto Materia – Sindaco di Barcellona P.G.

Introduce e coordina Giovanni Frazzica – Direttore del periodico “Mondonuovo”

On. Salvatore Cardinale – Ricordo di un Presidente

Relazioni

Patrizia Zangla, saggista – Moro: il nodo del nostro tempo

On. Maurizio Ballistrieri – Craxi e la via umanitaria della tragedia di Moro

Le Conclusioni saranno affidate all’ On. Giuseppe Fioroni, Presidente della Commissione Parlamentare d’inchiesta sul rapimento e sulla morte di Aldo Moro.

In attesa della fine dei lavori e della relazione conclusiva, il presidente Fioroni ha già prodotto, con voto unanime della Commissione, e per disposizione della stessa legge istitutiva, un rapporto parziale di circa 200 pagine sulle indagini già eseguite. Un rapporto pubblicato alla Camera nel bollettino delle giunte e delle commissioni, da cui si evincono già elementi sufficienti a fare ammettere anche ai più scettici che una ulteriore inchiesta parlamentare occorre davvero, visti i vuoti lasciati dalle precedenti, e anche dai vari processi e verdetti giudiziari che si sono susseguiti sulla tragica vicenda Moro, che “presenta profili di straordinario rilievo nella storia della nostra Repubblica”, come ha scritto lo stesso Fioroni. Il convegno di Barcellona sarà certamente un’occasione per mantenere viva la memoria su quei tragici avvenimenti e sulla figura del grande uomo politico e forse, grazie al contributo dei relatori e del presidente Fioroni, potrà servire a portare qualche spiraglio di luce su una storia in cui ancora il buio sembra essere profondo.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.