Condividi:

Un folle raptus alla base dell’atto sacrilego avvenuto nel quartiere di Sant’Antonio Abate, protagonista un giovane 29 enne straniero.

Nella serata di venerdì è stata danneggiata in modo virulento l’edicola votiva dedicata a Sant’Antonio Abate. Sul posto, vetri rotti e segni di sangue, un atto grave che ha scosso la quiete del quartiere.

Sul luogo sono subito intervenuti i Carabinieri della locale compagnia, che hanno verificato l’accaduto e si sono messi subito alla ricerca del ‘folle’.

Così grazie all’ausilio delle immagini del sistema di videosorveglianza presente nella zona, ed alcune segnalazioni dei passanti, si è potuto risalire al 29enne nigeriano in preda ai fumi dell’alcol.

Una brutta vicenda che segnala la mancanza di controllo del territorio specie nelle ore serali, soprattutto nelle periferie della città.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.