Condividi:

La città del Longano della palla spicchi è pronta a riabbracciare Ryan Bucci, uomo e cestista ‘simbolo’ per quattro anni con la canotta del Basket Barcellona, uno degli artefici della storica promozione con i colori giallorossi in serie A2.

A riscaldare i cuori e rispolverare la memoria dei mai domi sostenitori del basket barcellonese, la società Orsa Basket Barcellona che ha riacceso i sogni, con la ‘sfida’ di acquisire le prestazioni del 40enne Ryan Bucci, guardia italo-americana classe 1981 di 192 cm.

Un gradito ritorno a Barcellona Pozzo di Gotto per Ryan, che avrà un ruolo anche come istruttore del nostro Minibasket e come testimonial della nostra campagna abbonamenti, affidata alla società No Problem srl – Agenzia e Servizi per lo Spettacolo di Domenico Arcoraci e Francesco Lo Giudice.

La storia cestistica di Ryan Bucci è indissolubilmente legata a quella della città del Longano. Arrivato a Barcellona Pozzo di Gotto nell’estate del 2009, Ryan è stato uno dei protagonisti di quella splendida stagione, conclusasi il 30 maggio 2010 con la vittoria in gara 4 della finale play-off contro la Fulgor Libertas Forlì e la conseguente promozione in Legadue. Ha vestito per altre tre stagioni la maglia giallorossa, diventandone capitano e uomo simbolo. Bucci ha militato nei settori giovanili di Siena e della Fortitudo Bologna, oltre ad aver frequentato la Long Island University. Durante la sua carriera professionistica ha vestito le maglie di Ozzano, Ragusa, Osimo (6 presenze in serie A), Cremona (23 presenze tra la serie A Dilettanti e la Legadue), Barcellona (138 presenze tra la serie A Dilettanti e la Legadue), Ferentino (62 presenze in Legadue), Ferrara (30 presenze in Legadue) e Agrigento (34 presenze in Legadue).

“Dopo otto anni finalmente ritorna a casa, la sua casa. Bentornato Ryan e benvenuto nella nostra famiglia! – si legge sulla Pagina ufficiale Orasa Basket – Speriamo di poter vivere insieme tantissime emozioni”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.