Condividi:

Si alimenta il dibattito politico, dopo l’esposto sulla gestione e funzionamento del Consiglio comunale da parte del presidente Angelo Paride Pino, proposto e firmato dai consiglieri David Bongiovanni, Raffaella Campo, Antonio Dario Mamì, Melangela Scolaro Gabriele Sidoti, Ilenia Torre.

“La risposta dell’Assessorato delle autonomie locali al nostro esposto, nonostante il tentativo di confondere le acque ad opera del Segretario Torre, restituisce giustizia a quanto subito dai consiglieri comunali in questo primo scorcio di consiliatura ad opera del Presidente Pino, – si legge nella nota congiunta – confermando le lamentate violazioni del dettato regolamentare, volte a sfavorire la partecipazione in aula dei consiglieri dissenzienti e ad assicurare che il dibattito venisse escluso quando non conveniente per qualcuno.

Di fronte ad un esito talmente eclatante è ancor più evidente la totale inadeguatezza dell’attuale Presidente del Consiglio a ricoprire tale ruolo con imparzialità, – spiegano i consiglieri – fatto del quale la stessa maggioranza dovrebbe prendere atto, e ne chiediamo quindi le immediate dimissioni, riservandoci di porre in essere tutte le azioni previste dall’ordinamento affinchè venga ridata agibilità democratica al Consiglio Comunale”.

Ecco in allegato la risposta inviata dall’assessorato ai consiglieri.

file:///C:/Users/franc/OneDrive/Desktop/Risposta%20assessorato.pdf

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.