Condividi:

Sulla presidenza in seno alla prima commissione consiliare, dopo la parità nell’ultima votazione tra ci consiglieri Gaetano Pino e Giampiero La Rosa con un exequo e la possibile riconvocazione per un nuovo consulto, arriva il disappunto nei confronti della maggioranza dal gruppo #Noicisiamo. 

“Si intende portare alla luce come, ancora una volta, la maggioranza abbia dimostrato arroganza e scarsa propensione al dialogo. Nello specifico, i fatti riguardano l’elezione del presidente della prima commissione consiliare. Commissione la cui presidenza era toccata, a inizio legislatura, proprio a #Noicisiamo con il suo rappresentante in Consiglio Comunale, Salvatore Imbesi. Durante la presidenza Imbesi, la commissione è stata uno dei motori propositivi del Consiglio Comunale, riuscendo a lavorare in sinergia anche con le forze di opposizione. Dopo il pari merito tra Gaetano Pino e Giampiero La Rosa, con quattro voti ciascuno, il segretario comunale aveva in un primo momento espresso il parere che la presidenza spettava al più anziano, salvo poi rendere noto che la questione era “normata” e pertanto toccava procedere a nuova votazione. Il regolamento non prevede infatti la parità. Votazione che ha dato lo stesso esito. A fronte di ciò la maggioranza ha insistito affinché si votasse ancora, sperando di ottenere il risultato auspicato. Alla fine, i lavori sono stati aggiornati a domani. E noi siamo propensi ad accontentare le indicazioni della maggioranza e voteremo in tal senso. Ciò perché, con senso di responsabilità, riteniamo importante che non si perda altro tempo e che la commissione si componga. Resta comunque l’atteggiamento arrogante delle forze di maggioranza che hanno dimostrato di essere disposte ad atti di forza pur di raggiungere i propri obiettivi. Ciò in barba alla buona politica e anche a costo di creare fratture controproducenti soprattutto per il bene della città”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.