Barcellona PG. Corda Frates, presenta libro sulla vita di Salvatore Pugliatti

Condividi:
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Macrolibrarsi

Sabato 7 dicembre 2019, alle ore 17,30, presso la sede della Corda Fratres di Barcellona Pozzo di Gotto, sarà presentato il libro del Prof. Luigi Ferlazzo Natoli, emerito di Diritto Tributario all’Università di Messina, dal titolo “Nel segno del destino. Vita di Salvatore Pugliatti”, curato da Nino Sottile Zumbo per le Edizioni Scientifiche Italiane di Napoli.

L’evento, già programmato per il 23 novembre, è stato rinviato a giorno 7 a seguito dell’evento luttuoso che ha colpito la cittadinanza il 20 novembre scorso.
Dopo l’introduzione di Marcello Crinò, Presidente del Circolo culturale, interverranno l’autore ed il curatore. Alla presentazione sarà presente la Professoressa Teresa Pugliatti.
L’opera narra la biografia di questo messinese dal multiforme, leonardesco ingegno: giurista, musicologo, letterato, critico d’arte, studioso delle antiche civiltà mediterranee e di numismatica siculo-greca, infaticabile promotore culturale.
Vengono ricordati: la prestigiosa “Scuola giuridica messinese” – da lui fondata – e i suoi rapporti con giuristi, intellettuali, musicisti, letterati, poeti, musicisti, tra cui il romanista e uomo politico Giorgio La Pira, il processualista civile Salvatore Satta, il poeta premio Nobel Salvatore Quasimodo – di cui fu primo lettore e mentore -, l’editore giuridico Antonio Giuffre’, il poeta Vann’Antò, il poeta libraio Antonio Saitta, fondatore a Messina della mitica Libreria dell’Ospe.
La biografia è arricchita da una preziosa, partecipata “Prefazione” del Prof. Antonio La Torre, presidente onorario della Corte di Cassazione ed allievo di Pugliatti, due contributi delle figlie Teresa e Paola, un regesto cronologico, un articolato apparato bibliografico, un racconto per immagini, una affabulante “Postfazione” del curatore Nino Sottile Zumbo.

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.