Condividi:

Il Movimento Città Aperta ha presentato una interrogazione sulle condizioni di degrado della Via Modaffari, Via Calderone e argine del Torrente Longano.

“Chiediamo che si intervenga con urgenza – dichiara il consigliere Gabriele Sidoti – perchè qui non si tratta di decoro urbano, carente in tutta la città, ma di una situazione di vero e proprio degrado urbano, igienico e ambientale che comporta un rischio per la salute e l’incolumità di chi vive o frequenta quella zona”.

Ecco il documento integrale redatto e firmato dai consiglieri del gruppo ‘Città Aperta’.

Interrogazione in merito alle condizioni di degrado urbano-igienico-ambientale della
zona tra via Modaffari, Via Calderone e argine del Torrente Longano
Noi sottoscritti Consiglieri Comunali,

PREMESSO
• che la zona in oggetto è una zona di recente urbanizzazione, al cui interno insistono sia
immobili residenziali che attività commerciali;
• che in tale zona insistono varie opere di urbanizzazione primaria quali aree di parcheggio,
spazi di verde attrezzato, piazzette, marciapiedi, strade di collegamento;
• che negli ultimi anni è diventata zona di ritrovo per i ragazzi della nostra città;

PRESO ATTO
• che varie aree di questa zona sono discariche a cielo aperto (vedi foto allegate);
• che la manutenzione del verde pubblico è totalmente assente al punto da rendere
impraticabile qualsiasi marciapiede o piazzetta presente (vedi foto allegate);
• che le sterpaglie presenti a ridosso delle abitazioni rappresentano un pericolo per i residenti
che più volte hanno segnalato l’insorgere di incendi;
• che le aree attrezzate con panchine risultano inaccessibili per carenza di manutenzione o
impraticabili a causa delle discariche che si creano (vedi foto allegate);
• che vi è una strada, all’apparenza ultimata, che risulta chiusa al traffico (vedi foto allegate);
• che nulla è stato fatto negli ultimi mesi nonostante le tante richieste di intervento effettuate
dai residenti.
Tutto quanto premesso, i sottoscritti Consiglieri

INTERROGANO
la S.S. al fine di:
• sollecitare un pronto intervento di riqualificazione della zona in oggetto;
• garantire una manutenzione periodica finalizzata a mantenere le necessarie condizioni di
decoro e sicurezza;
• programmare un “piano del verde” ad hoc, visto e considerato che vi sono ampi spazi da
poter attrezzare con verde pubblico;
• porre in essere tutte le azioni necessarie per far sì che quest’area sia sicura sia per i ragazzi
che la frequentano, sia per i residenti;
• verificare i motivi per cui la suddetta strada interna sia chiusa al traffico.
Si richiede risposta scritta.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.