Barcellona PG. Festival In… Corto vince ‘La Viaggiatrice’ di Davide Vigore miglior cortometraggio, successo alla prima edizione di Mutamenti Liberi

Condividi:
Macrolibrarsi

Nello splendido Agriturismo  “Il Casale di Gurafi” a Barcellona Pozzo di Gotto, si è svolta sabato 28 luglio la serata finale del primo Festival In… Corto organizzato dall’Associazione Mutamenti Liberi.

Erano presenti il presidente di Giuria, il regista Massimo Cogliore ed i giurati: l’attrice Cinzia Scaglione, il regista Gaetano Di Lorenzo ed il Professor Francesco Pira.  Il Direttore Artistico, Anna Maria Puliafito ed il Presidente, Maria Grazia Milioti, hanno accolto il numeroso pubblico con un cocktail di benvenuto e la presentatrice, Noemi David, ha dato il via alla serata.

All’interno della splendida cornice e dell’allestimento tecnico, realizzato dal main sponsor “No Problem di Domenico Arcoraci”, sono stati proiettati i cortometraggi vincitori dei premi della giuria ed i seguenti lavori di alcuni dei giurati e dell’ospite d’eccezione, il Maestro Giovanni Renzo:

  • Trailer “The Elevator” di Massimo Coglitore
  • “Il viaggio della crisalide” di Cinzia Scaglione
  • “Chiara Zyz” di Gaetano Di Lorenzo
  • “Viaggio alla luna” di Georges Mèliés (1902), film muto con accompagnamento musicale al pianoforte di Giovanni Renzo.

I premi assegnati dalla Giuria sono stati:

  • Miglior Cortometraggio, La Viaggiatrice di Davide Vigore
  • Miglior Attrice, Eurydice El-Etr – La Viaggiatrice
  • Miglior Fotografia, Daniele Ciprì – La Viaggiatrice
  • Miglior Musica Originale, Silvia La Porta – La Viaggiatrice
  • Miglior Attore, Pierpaolo Spollon – Che fine ha fatto l’inciviltà
  • Menzione Speciale della Giuria, La Giornata di Pippo Mezzapesa
  • Segnalazione della Giuria, Fuecu e Cirasi di Romeo Conte.

I premi speciali assegnati dalla Direzione Artistica sono andati ai seguenti cortometraggi:

  • Piano B di Vincenzo Comunale
  • 50 e 50 di Davide Lupinetti
  • Stop alla violenza sulle donne di Alessia Imbesi e Giovanni Mordaci
  • Veive cura too late di Emanuele Torre
  • Cani di Antonio Emanuele
  • Il passato è presente, di Denise Cavallaro
  • Perché siamo una persona sola di Francesco Chianese.

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.