Condividi:

E’ in programma oggi pomeriggio alle ore 17.30 presso l’Aula Consiliare di Palazzo Longano, un proficuo incontro sulla legislazione comunitaria vigente in materia di lavoro a tempo determinato, delle forme di utilizzo in posti stabili e permanenti dei lavoratori LSU-ASU e LSU-FSNO, della specifica normativa siciliana e degli abusi subiti dai lavoratori precari o facenti parte del bacino transitorio degli LSU.

Inoltre si discuterà della fondatezza delle proposte di stabilizzazione presentate dalla politica regionale e precisamente: quali la legislazione siciliana in materia di rapporti di lavoro precario, la stabilizzazione prevista dalla normativa nazionale vigente e la disciplina comunitaria applicata negli Stati membri dell’Unione europea in materia di lavoro a termine nel pubblico impiego; le possibili conseguenze del contenzioso del lavoro di massa nei confronti dello Stato italiano e della Regione Siciliana per l’abuso di contratti a termine nel pubblico impiego, aIIa luce della legislazione europea e della giurisprudenza comunitaria vigenti in materia; le ultime novità normative e comunicati regionali a favore della stabilizzazione del Personale Precario – LSU – ASU e LSU – FSNO; le Sentenze della Cassazione che riconosce il lavoratore Precario siciliano, dipendente della P.A.;

Il dibattito sarà preceduto da un breve intervento del Sindaco della città di Barcellona Pozzo di Gotto Dott. Roberto Materia, seguirà confronto e dibattito sugli argomenti trattati.L’incontro sarà moderato dal Dott. Giosuè Gitto, Consigliere Comunale del Comune di Barcellona Pozzo di Gotto

Al Convegno interverranno: Dott. Gaetano Aiello, (esperto in materia di lavoro e pubblica amministrazione legislazione sul precariato pubblico e attualmente c/o Ia Vice Presidenza Vicaria dell’Assemblea Regionale Siciliana). Roberto Isgrò, Dirigente Provinciale CISL; Giovanni Savoca, Delegato Nazionale e componente del Direttivo Nazionale USB EE.LL.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.