Barcellona PG. L’Open Day Fidapa BWP Italy, una giornata per informare la città sulle proprie attività e finalità

Condividi:
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Macrolibrarsi

Nel pomeriggio di martedì 8 maggio 2018 si è tenuto nell’Auditorium del Parco Urbano “Maggiore La Rosa” a Barcellona Pozzo di Gotto l’Open Day Fidapa BWP Italy.

Anche la sezione della città del Longano, presieduta da Ilaria Cammaroto, ha aperto le porte al territorio, in contemporanea con le oltre 200 sezioni diffuse sul territorio nazionale, come affermato dalla stessa Cammaroto, che ha fatto il primo interessante intervento dell’evento oltre ad introdurre le altre relatrici. “Oggi è una giornata di informazione e conoscenza delle finalità della nostra Associazione, ed in tutto il territorio nazionale, basti pensare che nel Distretto Sicilia vi sono ben 93 sezioni. Si comprende bene come i nostri siano obiettivi a livello internazionale, trattandosi di una Federazione che è presente in tutto il mondo.”

Ilaria Cammaroto ha poi proseguito soffermandosi sulla storia della Fidapa a livello nazionale e locale, ricordando come sia presente da 43 anni a Barcellona Pozzo di Gotto, diffondendo cultura a 360 gradi. Sul tavolo delle relatrici erano presenti delle brochure informative per tutte le socie e per chi volesse accostarsi a questa realtà che promuove e sostiene le donne in tutti gli ambiti. Quindi sono state illustrate le attività del mese di maggio, dalla partecipazione ad una visita guidata presso il Villino Liberty in occasione di una mostra sulle origini della città, organizzata dall’Associazione Culturale “Genius Loci” che ha invitato le socie Fidapa nel pomeriggio del 23 maggio, alla consegna, il 25 maggio, delle borse di studio, agli alunni delle terze classi delle scuole medie, che avranno fatto lavori creativi sul tema della violenza, infatti previsto anche un convegno dal titolo “Violenza perché?” vista la drammatica attualità di questi nostri tempi. Il 27 maggio in programma una gita a Cefalù. In via di realizzazione un progetto che porterà alla realizzazione della “Carta dei Diritti della Bambina” e già si stanno predisponendo le basi con il lavoro della socia Nadia Mallarino e con i contatti stabiliti con l’Assessore Ilenia Torre.

Dopo aver ringraziato le socie artiste Cettina Pipitò e Giuseppina Leggio, che hanno esposto dipinti e sculture in Auditorium, la Presidente Ilaria Cammaroto ha dato la parola ad altre tre socie. Agata Sofia ha parlato del progetto Burundi, del quale si occupa personalmente e che mira alla scolarizzazione in quanto in quei territori avere cultura ed istruzione vuol dire salvarsi e salvare vite, evitando appunto il diffondersi di malattie. A seguire è intervenuta Letizia Panella, Past President, la quale ha fatto un excursus sulla storia della Fidapa di Barcellona P.G., nata nel 1975, prima Presidente Filomena Spinnato Parlagreco, leggendo la sua stessa relazione fatta in occasione dei 40 anni della stessa sezione barcellonese. Infine un’altra Past President e membro fondatore, Pina Freni, ha illustrato la storia della Fidapa a livello internazionale e nazionale (nacque nel 1919 a Saint Louis negli Stati Uniti). Un’Associazione lontana dalla retorica femminista ma volta alla valorizzazione dei diritti delle donne e della “libertà”.

Ha chiuso la Presidente Cammaroto augurandosi che la sezione di Barcellona Pozzo di Gotto possa, nel rispetto delle tante associate attuali, ringiovanirsi ulteriormente accogliendo nuove socie della fascia d’età al di sotto dei 35 anni. Presente in sala anche la poetessa Maria Morganti Privitera, altra socia Fidapa, la quale ha recentemente ottenuto il Premio Donna Siciliana 2018 nella categoria Poesia ed il prossimo 3 giugno verrà premiata  È seguito un sostanzioso rinfresco.