Condividi:

Il consigliere ed ex assessore comunale Raffaella Campo, esprime soddisfazione per la felice conclusione del lungo e tormentato iter che ha portato alla ristrutturazione della Scuola di Destra Longano.

L’esponente del gruppo Città Aperta afferma che: “per la Scuola, la politica deve fare di più e meglio, soprattutto per evitare tempi così lunghi”.
Per ricostruire i passaggi che hanno condotto alla riapertura del plesso si deve, infatti, risalire all’anno 2013 quando l’ amministrazione Collica ottiene un primo finanziamento di quasi 700 000 euro per la ristrutturazione del plesso gravemente compromesso a seguito degli eventi alluvionali del 2008. Fondi che si riveleranno insufficienti al completamento dell’ opera e che verranno successivamente integrati attraverso un secondo finanziamento, ottenuto dalla Giunta Materia.
“Oltre 12 anni per restituire alla comunità uno spazio così importante sono troppi – afferma la Campo – se da un lato è positivo il fatto che le diverse amministrazioni siano riuscite ad operare in continuità, dall’ altro è necessario studiare opportune strategie per rendere gli interventi più celeri ed efficaci. L’ anno appena trascorso ci dimostra che sul fronte Scuola bisogna intervenire in maniera tempestiva e sinergica per affrontare criticità complesse che non riguardano solo la carenza degli spazi”.
A questo proposito il gruppo consiliare di Città Aperta presenterà domani in Consiglio Comunale una mozione avente per oggetto “Azioni mirate a migliorare la sicurezza e la vivibilità degli ambienti scolastici, ad assicurare una più equa e funzionale assegnazione degli spazi; a migliorare i servizi destinati ad alunni e famiglie.
L’auspicio è che si definisca un vero e proprio “Patto per la Scuola”, un accordo tra tutte le parti coinvolte a diverso titolo nel mondo scolastico volto a superare i particolarismi e ad individuare le migliori strategie per una piena attuazione del diritto allo studio nella nostra città.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.