Condividi:

Brutta serata per Barcellona che esce sconfitta dal ‘Palalberti’ per 61-73, davanti ad un Omegna agguerrita e determinata che ha vinto con merito. La squadra di Bartocci perde il secondo match consecutivo dopo Agrigento, trovando un Omegna che ha condotto sempre la gara con stacchi di 10 punti rispetto ai giallorossi. Una Paffoni che ha  fatto vedere un bel basket fatto di intensità difensiva, fluidità di gioco e qualità nei singoli, sostenuta dal duo americano Moore e Smith oltre dagli italiani Gurini e Casella. Per Barcellona c’è molto da lavorare sul piano del gioco e della fiducia per riprendere quanto di buono si era fatto prima delle due sconfitte tra stasera ed Agrigento. Dalla gara di stasera si evince come i giallorossi risentono tanto dell’assenza di Lenzelle Smith oltre ad un periodo di poca brillantezza fisica e di fluidità di gioco, non trovando la giusta lucidità al tiro.

Cronaca della gara.

Apre Smith a cui risponde subito Loubeau, subito in spolvero gli americani di Omegna con Moore che mette due canestri di fila ma non ci sta il capitano giallorosso Migliori che impatta sul 6-6 al 3′.

Primo sorpasso giallorosso grazie ad una tripla del buon Migliori, 9-6. Subito dopo per gli ospiti accorcia Smith di forza ma allunga Barcellona con Loubeau e Migliori, 13-8 al 6′.

Omegna si fa di nuovo sotto con due canestri di fila di Cappelletti e Casella, 14-12 al 9′. Giro da ambo i lati, dalla lunetta prima Capitanelli che non sbaglia e dall’altro lato Iannuzzi che dalla linea della carità fa 2/2, 16-14. Negli ultimi secondi Zanelli piazza la bomba ma risponde Loubeau che chiude la prima frazione sul 19-18 in favore dei giallorossi.

Nel secondo quarto, parte forte Omegna con Casella abile da tre e Iannuzzi, bravi a sfruttare le amnesie difensive dei locali, 19-23 al 12′. Barcellona rimette le cose a posto con due belle giocate di Fallucca e Loubeau riportando la parità, 23-23 al 12′. Ma Omegna si rilancia nuovamente grazie a Moore e Casella, 23-29 al 25′.  La Briosa si riporta sul -2 grazie a Fallucca bel tiro da dentro l’arco e un canestro su assist di Ojo e il canestro di quest’ultimo 29-29 al 18′. Nuovamente in avanti gli ospiti con Gurini e Smith, con la prima parte di gara che termina sul 29-34 in favore di un’agguerrita e determinata Omegna.

Nella ripresa, nel terzo quarto sembra non cambiare il copione con Omegna che allunga ancora con Iannuzzi e Moore ma i giallorossi rispondono con il capitano Migliori bravo a piazzare la tripla ee Loubeau 36-39 al 22′. Moore da fuori e smith da dentro il pitturato portano gli ospiti sul +8 al 25′ (38-44). Per i giallorossi spezza Ojo, ma Moore piazza il massimo vantaggio ospite, 39-48. Tenta di rientrare La Briosa con un tap in di Loubeau dopo il ferro di Ojo e la tripla di Centanni, 45-50 al 29′. Ma la Paffoni non ci sta con Cappelletti che piazza la bomba dall’altro lato, 45-53. Si chiude così il terzo ‘tempino’ con gli ospiti in avanti di 8 lunghezze su Barcellona.

Nell’ultima frazione, apre Loubeau ma risponde dall’altro lato Iannuzzi, 47-55 al 32′. Omegna ancora con Casella, dal lato dei giallorossi Migliori e Maccaferri tengono a galla i giallorossi, 51-57 al 34′. Ma arrivano le due bombe ammazza gambe da parte della Paffoni con Gurini e Casella. Barcellona risulta tramortita dai tiri da fuori degli ospiti, 51-63 al 35′. Ci prova Centanni a dare coraggio con una tripla, la risposta non manca per gli ospiti con Zanelli,  54-66. Ancora Centanni ma Smith e Moore piazzano gli ultimi colpi, 61-73 al 40′. Termina così la gara sul punteggio finale di 61-73, brava Omegna che ha fatto vedere un basket fatto di intensità difensiva, fluidità di gioco e qualità nei singoli, sostenuta dal duo americano Moore e Smith oltre agli italiani Gurini e Casella. Per Barcellona c’è molto da lavorare sul piano del gioco e della fiducia per riprendere quanto di buono si era fatto prima delle due sconfitte tra stasera ed Agrigento.

 

 

(Foto gentilmente concessa da Antonio Caracciolo, Basketinside.com)

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.