Calcio a 5 – PlayOff. Sant’Antonino vola in finale, vince sul buon Città di Barcellona e fa festa sognando la C1..

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Davanti a più di 500 spettatori al campo Sant’Anna di Barcellona PG di scena il derby di calcio a 5 serie C2, atteso match all’insegna dell’equilibrio, intenso e combattuto fino all’ultimo fischio, dopo i tempi supplementari è il Sant’Antonino a passare in finale di play-off per la gioia dei tanti tifosi e simpatizzanti tra gli spalti.

Al termine di  70′ di battaglia finisce 5-4 ai danni di un ottimo Città di Barcellona, match-winner Manuel Laudani, autore del tiro libero assegnato allo scadere e trasformato dal centrale offensivo che manda in delirio i tifosi rosso-verdi.

Andando alla cronaca di un match scorbutico e fatto di continui botta e risposta tra le due compagini, al 5′ è il Sant’Antonino a passare con Puglisi, autore di una rasoiata che si infila all’angolino. In avvio il Sant’ Antonino parte forte ed è lo stesso Puglisi a sfiorare dopo pochi minuti il raddoppio. Arriva però la parità del Città a firma di Bertè con uno ‘scavetto’ sotto porta dove non può fare nulla il portiere rosso-verde. La risposta del Sant’Antonino è la traversa di Tomasello che tenta il pallonetto ai danni di Palazzolo. Ma sono i ragazzi di Galia a trovare la rete del 2-1 con Sceusa che salta un avversario dalla destra e centra la rete con un colpo di punta. Finisce così il primo tempo sul punteggio di 2-1 per il Città di Barcellona.
Nella ripresa il ritmo del Sant’Antonino si fa forsennato specie in pressione offensiva e nella produzione di palle-gol. In apertura bordata da fuori di Puglisi con parata ‘volante’ di Palazzolo, ma sono diverse le azioni da rete prodotte dalla squadra di Fazio. Il pari è nell’aria e giunge al 25′ sempre con Puglisi su un tiro non irresistibile per il portiere. Match sempre più intenso, e dopo due azioni da gol sotto porta da ambo i lati in cui i protagonisti sono i portieri, con Bertè del Città e Romagnolo per il Sant’Antonino che sfiorano entrambi la rete. A passare sul 3-2 è il Sant’Antonino con De Pasquale grazie ad una staffilata dalla destra che fulmina Palazzolo, tra il boato dei tifosi e simpatizzanti. Nel finale di tempo regolamentare, quando siamo agli ultimi istanti arriva il pareggio del 3-3 ad opera di Giunta grazie ad una stoccata di punta.
Si va ai supplementari con altri 10′ di battaglia tra le due compagini barcellonesi: apre Calamunci con un tiro che sfiora il palo del Città. A riportarsi in avanti è la squadra di Fazio con il giovane Aragona al 3′, bravo a destreggiarsi dentro l’area e infilare la palla sotto le gambe del portiere.
Il Città non ci sta, il ritmo si fa incessante e dopo un’azione corale finalizzata da Coppolino si raggiunge nuovamente la parità sul 4-4. Al Città classificatosi secondo in campionato, il risultato potrebbe bastare per passare il turno, ma allo scadere dei supplementari arriva il 5-4 a rovinare i piani. In un finale infuocato, viene aggiudicato il tiro libero al Sant’Antonino, con Laudani che trasforma e lancia la propria squadra in finale. Al fischio è festa grande in campo e tra gli spalti per la squadra del quartiere Sant’Antonino che continua a sognare la C1, pensando subito a mettere benzina e prepararsi  per la finale in programma la prossima settimana.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.