Condividi:

L’Igea vince e convince allo stadio D’Alcontres Barone, con un netto 3-1. I giallorossi di mister Furnari appaiono già in forma campionato piegando per la seconda volta in quattro giorni l’Acquedolci e approdano agli ottavi di finale di Coppa Italia.

I barcellonesi sciorinano una prestazione gagliarda: trame di gioco gradevoli, giuste distanze tra i reparti, condizione atletica che già sembra rassicurante in vista del debutto in campionato di domenica prossima.

Sugli scudi la cerniera di centrocampo formata da Cardia e Assenzio: diga pressoché invalicabile quando la squadra deve rinculare, scrigno di fantasia quando è l’Igea a pungere. Dalla cintola in su lavoro oscuro e prezioso di Multanen e la solita qualità del funambolo Genovese a scompaginare le strategie difensive degli avversari. Che, preme sottolinearlo, non hanno demeritato affrontando a viso aperto i giallorossi, passando anche per primi in vantaggio.

Gara maschia e dai contenuti agonistici accentuati: test probante per i ragazzi di Furnari, decisamente superato a pieni voti grazie ad una prestazione ben oltre la sufficienza dell’intero collettivo igeano.

In campionato sarà un’altra musica, ovvio: ma se il buongiorno si vede dal mattino, l’Igea sarà tra le protagoniste assolute del torneo.

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.