Condividi:

Successo al cardiopalma frutto di cuore e forza di gruppo per l’Igea di mister Furnari, oggi pomeriggio al D’Alcontres – Barone, contro il blasonato e duro Atletico Catania.

 Cuore, batticuore, esplosione finale di gioia ed esaltazione: difficile riassumere la girandola di emozioni dei secondi quarantacinque minuti, durante i quali i giallorossi hanno costruito il fondamentale successo sugli Etnei.

Andando ad una breve sintesi del match, di questa seconda giornata di pool promozione, dopo un primo tempo privo di emozioni. Nella ripresa i giallorossi mettono in campo una grandissima determinazione a far propria l’intera posta in palio e le occasioni da rete non tardano ad arrivare con Carrello ed Isgrò.

Ma è Biondo a sbloccarla dagli undici metri, grazie ad Assenzio che era stato fermato irregolarmente in area. Entusiasmo quasi subito smorzata dal pareggio di Siclari, su colpo di testa sugli sviluppi di un corner, anticipa il portiere Lo Monaco.

Euforia che torna a scorrere nelle vene igeane grazie a Ninni Carrello, autore di una prestazione sontuosa e match winner contro un avversario duro a morire.

Al 25′ del secondo tempo, palla in area dalla sinistra, l’attaccante stoppa in area e infila un bel diagonale all’angolo sinistro che trafigge il portiere etneo.

C’erano ancora alcune scorie da smaltire, postumi della vittoria sull’Enna. C’era da addomesticare un Atletico tosto, ben messo in campo e deciso a vendere carissima la pelle. Ma c’era soprattutto da far volare sulle ali dell’entusiasmo una tifoseria che, dopo quasi un anno e mezzo, è tornata a soffrire e gioire accanto ai propri beniamini.

Adesso la squadra del presidente si gioca tanto a Giarre, domenica 6 giugno, dove basterebbe un buon parinper il passaggio in semifinale del pool promozione.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.