Condividi:

Al D’Alcontres-Barone si ferma la striscia di vittorie in campionato dell’Igea fermata da un caparbio Real Siracusa che ha trovato nel portiere Cerruto il baluardo di giornata, inchiodando la gara sullo 0-0 dopo 96′.

In un manto erboso non in ottime condizioni e davanti al ritorno del pubblico sugli spalti, termina con un pari il match tra ASD Igea e Real Siracusa

Prime fasi di studio per le due compagini, con qualche affondo degli aretusei. La squadra di mister Peppe Alizzi, scende in campo con il 4-2-1-3, con il solito Lucarelli a giocare tra le linee ed Isgrò ed Assenzio sulle corsie esterne.

Al 8’ giallorossi pericolosi con il cross dalla sinistra di Lucarelli che trova in area De Zan, incornata di testa con la palla che termina di poco alta sulla traversa. Al 20’ si fa vedere in avanti il Siracusa con il tiro da fuori di Germano, che finisce alla destra del palo di Di Fina. Al 23’ ospiti ancora vivaci in attacco, con la bordata da fuori di Spoto di poco sopra la traversa.
Al 38’ Igea in avanti, con un azione che parte sempre dai piedi di Isgrò, cross dalla destra, palla che rimane in area arrivando sui piedi di Lucarelli che da posizione defilata tira debolmente.

Termina sullo 0-0 la prima parte di gara, con i giallorossi più vivaci ed ospiti che giocano di attesa sfruttando qualsiasi spazio in attacco.
Nella ripresa, in avvio è Frittitta ad impensierire Di Fina con una bordata da fuori area. Al 2’ Igea vicina al vantaggio, verticalizzazione dalla trequarti per La Spada che solo davanti a Cerruto fa partire un tiro che termina sulla traversa, occasione sprecata per i giallorossi.
Ospiti che reagiscono con diverse azioni pericolose, che sfruttano qualche svarione degli igeani. Al 13’ giallorossi che provano a mettere pressione in attacco, cross dalla sinistra ed il colpo di testa di La Spada sopra la traversa.
Al 20’ gol annullato ad Isgrò per sospetto fuorigioco, anche se la scelta della terna arbitrale appare discutibile, con l’azione partita da un traversone in area di rigore è l’attaccante barcellonese partito da dietro la linea difensiva che con una zampata insaccava alla sinistra di Cernuto.
Pochi secondi dopo ancora Igea in attacco sempre con Isgrò che su un incurisone dalla destra si accentra e fa partire un tiro centrale, parato dal portiere ospite.
Primo cambio tra le fila giallorosse, esce La Spada per De Marco, forze fresche per il team igeano. Al 26’ si salva il Siracusa, altra azione veloce igeana con Incatasciato che si trova in area di rigore davanti a Cerruto che devia quel tanto che basta per togliere la palla dall’angolino.
Al 33’ e al 35’ il portiere ospite sembra ‘superman’, sale in cattedra con due salvataggi incredibili, prima su un diagonale angolato e poi su colpo di testa sempre di De Gaetano.

Forcing finale della squadra di Alizzi, con l’ennesima azione offensiva scaturita da una punizione per la testa di De Zan, con la palla sopra la traversa. Al 48′ sugli sviluppi di un corner, la palla rimane in area ed arriva sui piedi di De Marco che spara alto. Ultimo sforzo igeano, traversone con la sfera che arriva sui piedi di Isgrò in area di rigore con l’attaccante caduto a terra.  Al fischio finale giunto al 96′,

ASD Igea 1946 vs Real Cittadella 0-0

ASD Igea: Di Fina, Dall’Oglio, De Zan, Doda, Franchina, Incatasciato, Presti, Assenzio, La Spada, Lucarelli, Isgrò. All. Alizzi

Real Siracusa: Cerruto, Manservigi , Pasqualicchio, Germano, Ulma, Saraceno, Miraglia, Kebba, Frittitta, Spoto, Alfò. All. Gallo

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.