Condividi:

Al ‘San Nicola’ risulta troppo forte, cinica e spietata la capolista Bari rispetto ad un Igea Virtus apparsa opaca e debole che paga limiti ed ingenuità, uscendo sconfitta per 5-0 grazie alla doppietta di Floriano e la rete di Di Cesare nel primo tempo, con i baresi che nella ripresa arrotondano il conto con Neglia e Simeri.

Prima del match un minuto di raccoglimento in onore di Antonio Bucolo ‘Fiorello’, con l’Igea Virtus con addosso la maglia dedicata al suo magazziniere e icona igeana, con su scritto: “Fiorello, sempre nei nostri cuori” e la fascia nera al braccio. La squadra di Mister Tedesco schierata con il consueto 3-5-2, con Cannizzaro tra i pali, tra i più ‘salvabili’ degli undici pur prendendo 5 reti appare tra i più sicuri e in partita, in difesa l’ex Diaumotene al centro coadiuvato da Allegra e Bucca preferito a Mancuso, sulla mediana Giambanco al centro con Grosso e Dodaro interni di centrocampo. Sulle fasce, Akrapovic a sinistra e Moussa a destra. In attacco Perkovic-Asprilla.

Dall’altra parte mister Cornacchini, schiera la squadra con il 4-3-3: Marfella in porta, in difesa Di Cesare e Mattera centrali, sugli esterni Aloisi e Quagliata, sulla mediana esperienza e qualità con Bolzoni al centro con Hamlili e Brienza a dare manforte. In attacco Simeri, Floriano e l’ottimo Liguori.

L’Igea Virtus paga l’avvio sprint dei padroni di casa e qualche errore che a questi livelli non puoi permetterti, ed è subito 2-0 dopo 16′ con la doppietta di Floriano. Da qui la gara si fa in salita con il gol taglia gambe al 47′ prima del termine dei 45′ con Di Cesare. Nella ripresa, l’Igea stenta a reagire e i baresi con altre due fiammate targate Neglia e Simeri travolgono i giallorossi. Unica fiammata degna di nota quella del neo-entrato e nuovo arrivato in casa giallorosso Sylla.

Da segnalare lo striscione della tifoseria giallorossa in onore ad Antonio ‘Fiorello’, con i tifosi che non hanno potuto prendere parte alla gara, come da comunicazione giunta all’Ufficio stampa, che: “30 tifosi del’Igea Virtus giunti a Bari non sono entrati allo stadio in quanto a 4 di loro è stato negato l’accesso poiché erano senza documento d’identità, nonostante potesse essere sufficiente fornire le generalità ed essere identificati tramite ripresa, non si è sentita ragione e per solidarietà gli altri tifosi muniti di biglietti sono andati via dopo un ora circa di discussioni in quanto ci era impedito anche di andare via, in tutto questo si è riuscito ad accedere per mettere lo striscione in ricordo di Fiorello!”.

Cronaca della gara.

Avvio sprint dei pugliesi, al 6′ su sviluppi di un corner, colpo di testa di Simeri con palla parata centralmente da Cannizzaro. Al 9′ arriva il vantaggio del Bari con il cinico Floriano, a seguito di uno stop sbagliato di Grosso in area, non perdona l’attaccante barese. Al 17′ il raddoppio dei padroni di casa, uno-due fuori area di Floriano-Liguori con l’attaccante ex Foggia che fa partire un tracciante che si infila all’angolino basso alla destra di Cannizzaro, 2-0 al ‘San Nicola’. Al 23′ cambio per infortunio, Akrapovic con Pisaniello. Al 25′ il tiro insidioso da fuori area di Liguori che termina di poco a lato al palo sinistro del portiere giallorosso. Al 30′ Igea in avanti, Asprilla si procura fallo al limite dell’area, su punizione Perkovic fa partire un buon tiro ma troppo centrale. Al 35′ padroni di casa ancora pericolosi, stop e tiro dentro l’area di Liguori, con la palla che termina alta di poco sopra la traversa Al 44′ il tiro da fuori di Allegra che ci prova dalla distanza, para agevolmente Marfella. Al 46′ il tris barese, difesa bloccata e sulle gambe, su sviluppi di un corner Di Cesare impatta di testa anticipando Diamoutene mette la palla alle spalle di Cannizzaro. Terminano i primi 45′ sul risultato di 3-0 in favore del Bari. Approccio sbagliato dei giallorossi e solite ingenuità pagate a caro prezzo, contro un avversario forte e cinico gli errori risultano imperdonabili.

Al via la ripresa, con Mister Tedesco che cerca di inserire un altro elemento in fase offensiva, fuori Bucca dentro Velardi. Nel Bari esce Floriano per Neglia.

Al 52′ pericoloso il Bari con Simeri che defilato in area fa partire una bordata ma arriva la parata di Cannizzaro. Al 59′ prova la bordata da fuori Giambanco ma il tiro termina fuori. Al 61′ in avanti la squadra di Cornacchini, con Di Cesare che fa partire un tiro da fuori area facile preda di Cannizzaro. Pochi minuti dopo l’Igea Virtus sostituisce Perkovic con Miuccio. Al 71′ pugliesi in attacco, lancio di Hamlili per Simeri che tutto solo in area con Allegra in ritardo, l’attaccante barese fa partire un diagonale che lambisce il palo destro. Al 79′ arriva il poker del Bari con Neglia, lancio di Brienza per l’attaccante barese che anticipa con un pallonetto Cannizzaro che tenta di smanacciare il pallone ma nulla da fare. Al 81′ cerca la rete della bandiera l’Igea Virtus, prima con un bel rasoterra di Sylla che si libera bene in area sfruttando un passaggio invitante di Velardi. Pochi secondi dopo ci prova da fuori area il neo-entrato Calabrese che tenta di scavalcare Marfella che devia in corner. Al 87′ la quinta rete del Bari con Simeri che su assist di Piovanello trova un diagonale a mezza altezza di potenza dove non può far nulla l’estremo difensore giallorosso.

Termina al 93′ il match del ‘San Nicola’ sul punteggio di 5-0 per la capolista del girone I di serie D. Bari troppo forte e cinico rispetto ad un Igea Virtus che paga cattivo approccio, limiti tecnici ed ingenuità.

La gara è stata diretta dal Sig. Andrea Bordin, coadiuvato dagli assistenti Gabriele Mari e Giulia Tempestilli della sezione Roma 2. Per i giallorossi sempre al penultimo posto a 7 punti di distanza dalla zona play-out dopo i risultati odierni nella zona bassa della classifica, bisognerà da martedì riprendere fiducia, equilibrio e forza per preparare al meglio la gara con il Portici in programma domenica prossima al D’Alcontres-Barone, match che rappresenta un vero spartiacque per il futuro della squadra di Tedesco.

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.