Condividi:

Un’interrogazione al Ministro dell’Economia e delle Finanze è stata depositata oggi alla camera dei deputati dal parlamentare Alessio Villarosa del MoVimenot5stelle avente come oggetto l’imminente chiusura dell’Agenzia delle Entrate di Patti.

Il bacino di utenti questa volta coinvolge ben 13 Comuni e,  in caso di chiusura definitiva anche della sede di Patti, i cittadini saranno dirottati altrove con un conseguente aumento dei costi per raggiungere una sede territoriale più distante, utilizzando anche molto più tempo (prezioso e costoso) per espletare le varie operazioni.

“Al Ministro chiediamo – si legge nella nota a firma del deputato pentastellato -di garantire un degno servizio all’enorme bacino di utenza coinvolto, considerando il fatto, per nulla secondario, che il servizio offerto è finalizzato al pagamento di imposte e tributi a favore dello Stato e che quest’ultimo, lo Stato, dovrebbe almeno agevolare l’intera procedura e non creare ostacoli, soprattutto se inutili e se facilmente eliminabile con pochissimo sforzo”.

Ecco l’Interrogazione integrale a risposta scritta del deputato M5S Alessio Mattia Villarosa destinata al Ministro dell’Economia e delle Finanze:

“Un noto quotidiano locale in data 23 giugno 2016 riporta la notizia dell’imminente chiusura dell’Agenzia delle Entrate di Patti, in provincia di Messina;

il bacino di utenti coinvolge ben 13 Comuni e la mole di lavoro conta circa 50.000 dichiarazioni dei redditi ed oltre 4.000 partite IVA;

nell’ottica della cosiddetta spending review, ancora una volta, a danno totale dei poveri cittadini/utenti, l’Agenzia delle Entrate di Patti potrebbe avere i giorni contati ipotizzando una probabile chiusura entro la fine di questa estate;

“A quanto pare, mesi di interlocuzioni e tavoli di confronto non hanno potuto nulla contro la politica perseguita dai massimi vertici dell’Agenzia delle Entrate. E dopo la fumata nera delle due opzioni di trasferimento presso la vecchia sede del consorzio Tindari-Nebrodi e all’interno dei locali di proprietà dell’ENEL non rimane altro che incrociare le dita e auspicare un ripensamenti dell’ultimo momento”.

condivisibile la posizione del Sindaco di Patti, il quale annuncia che continuerà a provare a salvare il servizio offerto al bacino di utenti dei 13 Comuni coinvolti prevedendo incontri con il Direttore Regionale per avere rassicurazioni su un iter già iniziato e, cosa più importante, offrire uno stabile a costo quasi-zero, comprensivo di tutte le utenze eccetto quelle telefoniche. Un impegno dal punto di vista economico che gli altri Sindaci del territorio sarebbero disposti ad assumersi;

da aggiungere che recentemente, a inizio gennaio, è stata chiusa in via definitiva anche l’Agenzia delle Entrate di Milazzo, creando non pochi disagi al bacino di utenti dirottati su Barcellona p.g. con un conseguente aumento dei costi a carico dei cittadini/utenti che devono raggiungere una sede territoriale più distante a spese loro e, elemento abbastanza rilevante, utilizzando anche molto più tempo per espletare le varie operazioni, sottraendo questo tempo alla produttività e quindi accollandosi un ulteriore costo aggiuntivo: se il Ministro è a conoscenza dei fatti esposti in premessa: se non intenda, nell’ambito delle sue competenze, valutare tutte le soluzioni possibili al fine di poter garantire un degno servizio all’enorme bacino di utenza coinvolto., considerando il fatto, per nulla secondario, che il servizio offerto è finalizzato al pagamento di imposte e tributi a favore dello Stato e che quest’ultimo, lo Sato, dovrebbe almeno agevolare l’intera procedura e non creare ostacoli, soprattutto se inutili e se facilmente eliminabile con pochissimo sforzo”.

 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.