Condividi:

È un grandissimo successo e possiamo dire anche una grande conquista l’esser ripartiti in tempo di Covid-19 con le riprese di “Ciò che non ti ho detto Revolution” del regista Angelo Faraci proprio dal Messinese e nello specifico da Mazzarrà Sant’Andrea per poi proseguire con Novara di Sicilia e arrivare a Milazzo. 

Nella ‘Città dei Vivai’ sono state utilizzate le splendide location dei Vivai Caruso perno centrale del comune di Mazzarrà, famosi e popolari in Italia per l’attività di vivaismo ed inoltre riprese nella cittadina con una capatina alla Macelleria Trifilò a Rodi Milici.

Quindi ci si è spostati nel borgo di Novara di Sicilia, in cui è stato proprio l’assessore e vicesindaco Salvatore Buemi ad accogliere la troupe e lo stesso ha assistito la produzione sia sulla Rocca Salvatesta che per le vie del centro montano. A tal proposito lo stesso Buemi ha così commentato a caldo la giornata novarese: “I complimenti vanno innanzitutto al regista Angelo Faraci, una persona che con il suo esempio ed entusiasmo ha animato e caratterizzato un gruppo che, divertendosi, ha saputo donare allegria, serenità e spensieratezza. Complimenti a tutto lo staff, Mary Macaluso, Christian Filmmaker La Piana, Cristofer Gazz, Giovanna Bucolo, Vincenzo Bucolo, Peppe Accetta, Giuseppe Romano, Manuela Pavanello, perchè ogni singola persona con la personale professionalità ha reso il tutto esecutivo. Grazie e complimenti a ogni nostro concittadino, giovane e adulto, che con intraprendenza si sono cimentati attori per un giorno e buttati in quest’avventura per il bene del nostro territorio. Durante le riprese osservando i volti, gli occhi dei protagonisti si notava soprattutto il loro impegno. La magia del borgo, sotto le vesti di un set cinematografico si è vista e respirata. Un grazie sincero da parte di tutta l’Amministrazione Comunale.”

Chiudiamo con la presenza della produzione a Milazzo, che così viene descritta dallo stesso attore e regista Angelo Faraci: “Poche parole poiché l’emozione non mi fa più esprimere al meglio ciò che voglio trasmettere, ma è stato tutto stupendamente magico e una favola e si perché quando vengo a casa nel Messinese mi trovo sempre tra la mia amata gente e amici che non hanno mai smesso di mostrarmi il loro affetto smisurato e stima. L’ultima tappa nel Messinese è nella bella cornice di Milazzo, grazie al nostro Partnership Marco Salmeri, Parruccheria sita sul lungomare di Milazzo uomo che prossimamente vedrete nella nostra Serie Tv/On Demand ed ancora bellissime location a sorpresa complimentandomi oggi per i bravissimi attori, adesso concludo ringraziando ancora il Parrucchiere uomo Totò Marchese che curerà per tutto il set il look dei nostri attori e del sottoscritto.”

Il Messinese saluta Angelo Faraci e tutta la produzione di “Ciò che non ti ho detto Revolution” che, in tempi di pandemia in cui sono poche le produzioni partite, ha dato il via con entusiasmo alle nuove riprese che proseguiranno nei giorni a venire in altre meravigliose location siciliane. 

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.