Condividi:

Profumi, sapori e colori di Sicilia hanno catturato interesse nella storica sala consiliare della Città di Alba (Cuneo) con l’appassionato intervento di Michele Isgrò, delegato AsproFlor per il meridione, che lo scorso 16 luglio nella conferenza di presentazione nazionale del “Concorso Comuni Fioriti” ha illustrato i dieci Comuni Siciliani aderenti all’edizione 2015. “Il percorso tra le Città fiorite delle regioni d’Italia, – ha detto Michele Isgrò – rappresenta contestualmente un confronto tra modi di gestione del verde pubblico e delle diverse specie botaniche utilizzate e spesso autoctone. Con i fiori raccontiamo i territori, le usanze, l’architettura, la storia, l’enogastronomia, e certamente in questo non poteva mancare la Sicilia con il suo incantevole paesaggio. Ogni giorno, – ha concluso Isgrò – il nostro circuito promuove e sprona le amministrazioni alla cultura del bello e fiorito, ad esse ed alle scuole io mi rivolgo affinchè coinvolgano con maggiori iniziative soprattutto i bambini perché in essi, che rappresentano il futuro, vanno riposte le speranze per un mondo più verde, più fiorito, più sano”.

Per la Sicilia dieci i Comuni in concorso: Aci Bonaccorsi (Catania), Forza D’Agrò, Gallodoro, Gangi (Palermo), Librizzi, Montalbano Elicona, Terme Vigliatore, Sinagra, Roccafiorita, Venetico.

Al tavolo dei relatori erano presenti, il Sindaco di Alba, Maurizio Marello con l’Assessore Alberto Gatto, il Presidente di Comuni Fioriti Renzo Marconi, il Vice Sergio Ferraro e Franco Colombano per il Piemonte, in sala delegati Asproflor di varie regioni d’Italia e una nutrita rappresentanza di giornalisti.

La città di Alba ospiterà le fasi conclusive del concorso durante la ‘Fiera Mondiale del Tartufo Bianco D’Alba’, in programma il 14 e 15 novembre, convegni, elezione della Miss Comuni Fioriti e la Premiazione Nazionale dei Comuni Fioriti, sarà un motivo di incontro e promozione con i Sindaci aderenti di tutta Italia.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.