Condividi:

Record di positivi negli ultimi giorni nella provincia di Messina, con diversi comuni tirrenici e nebroidei con numerosi casi di contagio sul territorio. 

Secondo i numeri del report dell’ultimo bollettino del Ministero della Salute nelle ultime 24 ore si sono registrati, 225 casi da Covid nel messinese, dato che desta non poche preoccupazione nei sindaci e nelle comunità.

Sul fronte dei comuni più popolosi della provincia, resta in allerta la situazione di Barcellona Pozzo di Gotto. Nell’ultima settimana i contagi da coronavirus sono cresciuti da 30 a 63, (come segnalavamo nell’articolo di ieri sera), da quanto comunicato dal sindaco Pinuccio Calabrò, si tratta di casi asintomatici, con un solo barcellonese ricoverato.

Crescita esponenziale nella città del Capo, con numeri davvero allarmanti, qui infatti, si è giunti a 77 attuali positivi, quattro dei quali continuano ad essere ricoverati in ospedale. Rispetto all’ultimo report di ieri, che registrava 51 casi, l’incremento è stato, quindi, del 50%.

Situazione di allerta anche a Furnari, con il primo cittadino Maurizio Crimi, che ieri pomeriggio ha fatto sapere che sono 10 gli attuali positivi sul territorio comunale e 19 le persone in quarantena.

A Montagnareale, risultano 11 casi positivi al Covid-19, tutti posti in isolamento. “Vi rivolgo un ulteriore invito a vaccinarvi – esorta il primo cittadino Rosario Sidoti – è accertato che la forma più grave della malattia si sviluppa nei soggetti non vaccinati e noi dobbiamo fare di tutto per tornare alla normalità”.

Salgono a 18 i soggetti positivi al Covid a sant’Agata di Militello.  “Nella giornata di ieri si sono registrati 5 nuovi positivi, tutti giovani tra i 18 e i 23 anni. Stanno tutti bene o con sintomi lievi. Non ci sono soggetti ricoverati. Sono 15 i soggetti in quarantena per contatto stretto con soggetti positivi.” Ad annunciarlo è il sindaco Bruno Mancuso, nel consueto aggiornamento via social.

“I dati attuali ci fanno pensare che è molto attiva la diffusione del virus soprattutto tra i giovani non vaccinati che partecipano ad assembramenti estivi di vario tipo. – aggiunge il sindaco – C’è da dire che alcuni dei soggetti positivi al Covid avevano ricevuto la seconda dose di vaccino. Questo vuol dire che anche i vaccinati possono essere fonte di contagio anche se sul piano clinico i sintomi sono notevolmente ridotto.”

“Siamo convinti, con il rispetto di chi la pensa diversamente, che vaccinarsi è la scelta più giusta per cui continuiamo a promuovere la campagna vaccinale che nel nostro Comune è a livelli accettabili, avendo superato il 70% per la prima dose e il 60% di chi ha completato il ciclo di vaccinazione. Un ulteriore e deciso richiamo al rispetto delle regole comportamentali è d’obbligo, visto che è sempre più probabile che la Sicilia rientri presto in “zona gialla”, con tutte le conseguenze che questo comporterà” conclude Mancuso.

Sugli stessi numeri anche a Piraino, dove si registrano nuovi casi di positività, attualmente sono 14, con un incremento di 6 unità dall’ultimo aggiornamento del 10 agosto, e 20 quelle in quarantena.

Anche a Santo Stefano di Camastra lieve incremento di casi, con due nuovi contagiati che portano a 11 gli attuali positivi e a 24 le persone in quarantena.

Infine a Tortorici sono 6 casi di positività, con 5 persone in quarantena, e ad Acquedolci risultano 5, di cui uno riscontrato con tampone molecolare e 4 con test rapido.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.