Condividi:

Alla luce dell’ultima ed ‘ennesima’ emergenza ambientale, presente nel territorio milazzese, venuta allo scoperto con la mareggiata di fine dicembre scorso, interviene l’associazione ambientalista ADASC da anni in prima linea per la tutela e la salvaguardia dell’ambiente e del territorio mamertino e della Valle del Mela.

“Purtroppo la splendida città ritorna alla ribalta nazionale per un ulteriore danno ambientale dovuto a scelte scellerate e criminali del passato. Presumibilmente negli anni 60, parte del terrapieno del litorale di ponente è stato usato come discarica di rifiuti.

Non bastava la violenza effettuata sul litorale di levante con la realizzazione di un polo industriale, la devastante mano dell’uomo ha deciso di sotterrare tonnellate di rifiuti per diversi ettari di terreno. Le straordinarie mareggiate hanno riportato alla luce lo scempio che ha indubbiamente un pesante impatto ambientale sull’ecosistema marino.

A poche miglia di distanza è presente la straordinaria area marina protetta Capo Milazzo che merita un’attenta opera di tutela e valorizzazione. Il nostro litorale inoltre è volano turistico ed economico.

Apprendiamo con piacere l’ autorevole intervento del Ministro dell’ambiente Sergio Costa – dichiara il presidente dell’associazione ADASC Peppe Maimone -. Quella zona deve essere urgentemente messa in sicurezza per evitare che i rifiuti finiscano a mare e soprattutto bonificata.

Comprendiamo che è un processo assai complesso dal punto di vista tecnico, burocratico ed economico. È assolutamente necessario però che tutti gli enti coinvolti definiscono urgentemente una tabella di marcia con precisi impegni e tempistiche al fine di evitare un ulteriore danno ambientale per il nostro territorio.

Auspichiamo che anche la Regione Siciliana, proprietaria dell’area in questione, attivi con solerzia tutte le procedure previste dalla legge a tutela dell’ambiente. Questo territorio ha già pagato un enorme peso ambientale e dobbiamo obbligatoriamente invertire la rotta”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.