Condividi:

“Continuiamo la nostra attività sul tema a livello nazionale sollecitando tutti gli attori in gioco. Gli ultimi aggiornamenti avuti dalla Protezione civile nazionale interessata per avere notizie sullo status della richiesta di Stato d’Emergenza per il territorio siciliano con particolare riferimento allo scempio rinvenuto in riva al mare a Milazzo sono che, ad oggi, manca ancora al dipartimento di protezione civile che ha la responsabilità burocratica dell’istruttoria per presentare la richiesta al Consiglio dei Ministri, la relazione tecnica necessaria che la Regione Siciliana dovrebbe mandare affinchè si permetta il completamento di tutte le attività propedeutiche alla delibera. Speriamo, a questo punto, che gli uffici regionali possano completare nel minor tempo possibile tutta la documentazione prevista per far sì che Il Governo deliberi lo Stato D’Emergenza nel primo consiglio dei ministri utile e sblocchi fondi importanti per la bonifica.
Inoltre il dr. Borrelli, capo dipartimento della protezione civile, ci comunica comunque che nella prossima settimana verrà quasi certamente svolto un ulteriore sopralluogo della protezione civile nazionale sulla discarica insieme a rappresentanti del Ministero dell’ambiente che dovrà intervenire anche nel processo istruttorio. Ci teniamo a sottolineare l’attenzione al territorio da parte delle istituzioni e questa nostra importante azione informativa sui vari passaggi che stanno avvenendo, perché i cittadini devono essere sempre consapevoli di ciò che accade.” Concludono i portavoce del Movimento.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.