Condividi:

Prova a dire la sua, Luigi Genovese, figlio del noto Francantonio Genovese da pochi mesi nel corso delle varie vicissitudini giudiziarie ‘traghettato’ in Forza Italia, dopo il clamore suscitato con la notizia della sua ‘ascesa’ in campo a soli 21anni, perchè forse.. ‘figlio di..’, un predestinato si diceva un tempo.

Esce allo scoperto cercando rispondere alle critiche e tanti commenti specie sui social piovuti addosso come un macigno, lo fa utilizzando il più popolare, più forte ed anche il più semplice mezzo per diffondere i propri pensieri, il suo profilo facebook.

“Sono Luigi. Gioco questa partita in prima persona. Non indosso la maglia di nessun altro. – esordisce Genovese – Neppure quella di mio padre.

Giudicatemi, attaccatemi per le mie idee, per i miei programmi, per i miei errori e non per il cognome che porto.

Non voglio essere considerato un candidato alla ricerca della poltrona, per ambizione personale; ma sento di rappresentare un progetto che è fatto di tanti ragazzi come me. Troppo giovane? Forse.

Costretto a crescere in fretta. Come tanti altri giovani. Ciascuno di noi per ragioni diverse. Io voglio essere capace di chiedere ai giovani di continuare a lottare, di tornare in questa terra, di credere che avere uno scopo comune è una forza e una certezza. Vi parlo con l’energia che ho ereditato dalla passione politica della mia famiglia a cui ho aggiunto la ribellione generazionale, che spinge verso traguardi possibili. Voglio ridisegnare i modelli occupazionali del futuro, nella mia città, nella mia Sicilia.

Voglio abbracciare l’inarrestabile innovazione che sta caratterizzando la nostra era, grazie ad uno spazio di coworking, luogo in cui giornalmente si contaminano idee, talenti e competenze; quella grande casa in cui interagiscono nuove tecnologie, innovazione, digitalizzazione e startup.
È il mondo del domani e noi siamo pronti ad esplorarlo.

Vi invito a guardare il mio impegno sociale e politico con curiosità, interesse. Giudicate le mie azioni, – conclude –  i miei contenuti. Sono pronto a farmi conoscere per chi sono”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.