Condividi:

Dopo la denuncia di Legambiente del Longano sul degrado per cumuli di spazzatura riscontrato in alcune zone del comune tirrenico non è tardata ad arrivare la dura e dettagliata risposta da parte dell’amministrazione di Furnari. 

“L’emergenza ambientale è uno dei temi caldi della presente stagione: l’assenza di una strategia efficace da parte del governo regionale e gli interessi sporchi delle mafie che ruotano intorno ai rifiuti – recentemente denunciati in un dossier di 400 pagine dalla Commissione Bicamerale Ecomafie– hanno determinato in Sicilia l’ennesima crisi. Oltre Messina, i centri viciniori, hanno visto centinaia di tonnellate di rifiuti invadere le strade dei centri urbani.

Ogni sindaco ha fatto o cerca di fare quotidianamente – si legge nella nota comunale – l’ impossibile per scongiurare l’emergenza ma, in assenza di seria e valida programmazione del governo regionale, il sistema è al collasso.

In questa emergenza il Comune di Furnari non ha conosciuto alcuna criticità. Nella scorsa primavera sono stati radicalmente eliminati i contenitori e oggi  le nostre strade non hanno visto alcun maleodorante cassonetto ricolmo su tutto il territorio, a differenza delle città vicine e confinanti.

Insieme ai Furnaresi, abbiamo ottenuto questo importante risultato:

RIFIUTI SMALTITI IN DISCARICA

ANNO 2014          ANNO 2015          ANNO 2016 (previsione)

  1. 3.058.390 KG. 2.066.760 KG. 1.861.950

 

Il Piano finanziario dei rifiuti approvato per l’anno 2016 prevede un risparmio di €.85.000,00 che consentirà di ridurre le tariffe delle famiglie rispetto allo scorso anno quantificabile intorno al 13-15%, pari a 50/70 € per nucleo familiare.

A Furnari si sta ora operando con un sistema di premialità che migliorerà l’apporto di raccolta differenziata spinta presso il  C.C.R. ed anche con la raccolta separata dell’umido: dopo circa 35 anni a Portorosa sono stati tolti i cassonetti, distribuiti i kit ed avviata una campagna di informazione per abbattere ulteriormente i costi e conferimento in discarica.

Chiediamo a tutti di raggiungere l’obiettivo del rifiuto zero, indice del più alto senso civico.

Furnari non ha conosciuto la recente criticità che hanno visto montagne di immondizia per strada mentre chi  è in ritardo con  la raccolta differenziata svolta in modo radicale, ha avuto seri problemi.

Mentre tutto questo è avvenuto, senza alcuna pubblica denuncia sui blog e sulla stampa, il presidente di Legambiente Longano è invece stranamente impegnato con Furnari senza però fare riferimento agli importanti obiettivi raggiunti dai suoi abitanti i cui risultati si sono visti con l’ultima emergenza. Stranamente il Circolo del Longano vorrebbe puntare l’indice accusatore su Furnari con leziose osservazioni e con una visione assolutamente  strabica e distorta delle cose, amplificando pagliuzze senza vedere vistose travi.

Ci chiediamo noi con quale coraggio il presidente del Circolo Legambiente Longano possa infondatamente affermare che “ …Il Comune di Furnari ha attivato da un po’ di tempo la raccolta differenziata, tolti però i cassonetti le strade si sono riempite di immondizia…”. Lo stesso, che si assume tutte le sue  responsabilità per questi fatti inesistenti, forse vorrebbe, da custode del verbo ambientalista, che a Furnari tornassero i vecchi e maleodoranti cassonetti per le strade ? Intende collaborare così a fianco  di Amministrazioni comunali che dimostrano,  con fatti concreti e visibili,  di essere state in prima linea sulle grandi battaglie ambientali ?

Nonostante sia nota la peculiarità del Comune di Furnari — che d’estate vede quintuplicare la sua popolazione — e l’addebitabilità di questi fatti a pochi individuandi e sanzionandi soggetti che, ogni anno, sono soliti abbandonare rifiuti in pochi noti e limitati luoghi, il Circolo ed il suo presidente sembra impegnarsi in critiche ingenerose e destituite di fondamento che offendono una comunità virtuosa e civile.

L’Amministrazione comunale di Furnari, che ha fatto tanto per l’ambiente non accetta il giudizio ex cathedra di professori che distribuiscono pagelle ambientali: il Circolo di Legambiente del Longano farebbe bene ad occuparsi di altre realtà che evidentemente gli sfuggono. Un conto è assistere a strade invase dai rifiuti per la cronica mancanza di differenziazione che ingorga le discariche, altra cosa è invece censurare proprio Furnari ed i suoi cittadini che, per il loro comportamento virtuoso, hanno abbattuto notevolmente produzione e costi di rifiuti.

Se poi invece si vuole strumentalmente addebitare ai Furnaresi colpe per la cattiva educazione e l’inciviltà di qualche “turista per caso” (sanzionate in passato, individuate e punite anche quest’anno con la sanzione di €.3.000,00), questo è solo un problema del Circolo Legambiente di Barcellona e certamente non fa onore alla verità ed alla obiettività dei fatti: tutto ciò spingerà l’Amministrazione Comunale a tutelarsi.

Amministrare è cosa diversa e più complessa che fare generiche segnalazioni sulla stampa:  diceva Sisto VI che “Chi sa fa, chi non sa insegna”-

Non abbiamo mai notato la presenza del Circolo di Legambiente del Longano sulla questione della discarica di Mazzarrà Sant’Andrea, una situazione ad alto rischio ambientale e personale, sulla quale stiamo lavorando ed abbiamo ancora molto da fare e da dire. Auspichiamo una sua attiva presenza, anche se da soli abbiamo già fatto molto”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.