Condividi:

Si è tenuto ieri, presso il Liceo Bisazza di Messina, l’incontro su un tema assai caro a Papa Francesco, “La Misericordia”.

A presiedere l’importante evento è stata l’aureolata e nobile figura di Sua Eccellenza rev.ma mons Enrico Dal Covolo, Rettore Magnifico della Pontificia Università Lateranense, il quale ha definito la misericordia «un sussulto d’amore nei confronti del misero». Continuando nella sua colta e raffinata descrizione della misericordia ha, inoltre, affermato che «la scuola deve insegnare a praticare le opere buone e deve promuovere la cultura della “misericordia intellettuale”». Ad aprire l’incontro è stato il professore Cotroneo che ha ribadito più volte che l’Istituto “Bisazza” è un importante riferimento per tutta la città e ha voluto ringraziare la dirigente prof.ssa Anna Maria Gammeri, sua ex alunna, che con l’aiuto di mons. Mario Di Pietro, docente di Teologia delle Religioni dell’ISSR “S. Maria della Lettera”, ha organizzato l’attento e sensibile evento culturale. Dopo il noto professore e filosofo Cotroneo, ha preso la parola mons. Eugenio Foti, che ha evidenziato e ricordato la splendida figura di Maria, “la Mater Misericordiae”. Così mons. Foti si è voluto esprimere «il popolo Santo di Dio ama definire la Misericordia “Mater Misericordiae». A concludere l’incontro è stato Sua Eccellenza mons. Enrico Dal Covolo, il quale rivolgendosi agli studenti con fermezza e dinamicità ha ribadito che «la Scuola deve insegnare a vivere e a vivere bene assieme agli altri. In una società liquida, la Istituzione Scuola non può e non deve non costruire teste pensanti». A chiudere la giornata culturale il concerto del Maestro Antonino Averna, docente di pianoforte presso il Conservatorio “Angelo Corelli” della città di Zancle e la soave voce del soprano Francesca Mannino. A moderare le attività è stata la prof.ssa Lavinia Lo Presti, docente dell’Istituto “Bisazza”.

Salvatore Bucolo

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.