Condividi:

Nel corso degli ultimi giorni, a seguito dell’incremento dei turisti nell’area dello Stretto, i Carabinieri della Compagnia Messina Centro, supportati dalle pattuglie del Nucleo Radiomobile, hanno intensificato i controlli lungo le principali arterie stradali del capoluogo peloritano ed in particolare sono stati predisposti controlli allo scopo di contrastare lo smercio di sostanze stupefacenti e reati predatori in generale.

Nel corso dei servizi, i militari dell’Arma di Messina Giostra hanno arrestato, in esecuzione di distinti ordini di carcerazione emessi dalla Corte di Appello di Messina, il 35enne messinese O.C. e il 38enne B.E., originario del Veneto, entrambi già noti alle forze dell’ordine. I due, già sottoposti alla detenzione domiciliare, si erano resi responsabili di molteplici violazioni delle prescrizioni imposte dalla misura alternativa, accertate dai Carabinieri durante i periodici controlli. Le segnalazioni delle ripetute trasgressioni all’Autorità Giudiziaria, quindi, hanno determinato, per ambedue, il ripristino della carcerazione. Sempre i militari dell’Arma di Messina Giostra hanno arrestato il 38enne A.C., già noto alle forze dell’ordine, rintracciato dai Carabinieri nella sua abitazione. Lo stesso dovrà espiare la pena di due anni di reclusione perché riconosciuto colpevole di spaccio di sostanze stupefacenti. I tre arrestati sono stati ristretti presso la Casa Circondariale di Messina Gazzi, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
I Carabinieri della Stazione di Villafranca Tirrena, impegnati nella vigilanza delle aree costiere, hanno arrestato, nella flagranza del reato di evasione, B.L., 35enne, già noto alle forze dell’ordine. L’uomo, sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari si era arbitrariamente allontanato da casa per andare a consumare una bevanda in un bar. I militari, riconosciutolo, lo hanno arrestato e, su disposizione dell’Autorità Giudiziaria, lo hanno ristretto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.
Durante l’attività di controllo, i militari del Nucleo Radiomobile hanno altresì proceduto, segnalandoli alla Procura della Repubblica di Messina, nei confronti di due giovani messinesi poiché responsabili di disturbo delle occupazioni o delle persone, in quanto individuati, nel corso dei controlli alla circolazione stradale, con elevatissimo volume dello stereo della propria auto, tale da provocare rumori molesti.
Inoltre, nel corso del servizio è stato denunciato dai militari del Nucleo Operativo della Compagnia Messina Centro un 26enne che, perquisito in via Santa Marta mente circolava a bordo di una bici elettrica, è stato trovato in possesso di circa 35 grammi di marijuana. Altresì tre messinesi, sono stati segnalati alla Prefettura di Messina quali assuntori di stupefacente, poiché trovati in possesso di modiche quantità di hashish, detenute per uso personale, con il sequestro di 6 grammi complessivi di sostanza stupefacente.
Infine sono stati intensificati i controlli alle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale, ai soggetti sottoposti al regime degli arresti domiciliari ed alla sorveglianza speciale di P.S..

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.