Messina. Gioveni sulle grandi opere avviate: ” A che punto sono le assunzioni?”

Condividi:
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"
Macrolibrarsi

Il consigliere Gioveni interviene sulle grandi opere già avviate, a Tremestieri e in via Don Blasco, chiedendo al sindaco De Luca e all’assessore ai lavori pubblici Mondello di accertarsi della situazione occupazionale. Gioveni ha raccolto la delusione di quei disoccupati messinesi che speravano di essere impiegati nella realizzazione di queste opere.

“Mi farebbe piacere conoscere quanti siano ad oggi gli operai edili messinesi ch
e sono stati assunti nei cantieri già avviati per la realizzazione della piattaf
orma logistica intermodale di Tremestieri e della strada di collegamento di via Don Blasco! E quanti saranno e come saranno selezionati quelli dell’ormai prossimo cantiere del torrente Bisconte-Catarratti, nonché in quello appena allestito per la messa in sicurezza della discarica di Portella Arena!”.

Ormai da anni Gioveni chiede di vincolare le imprese aggiudicatarie delle grandi opere ad assumere il 50% della manodopera locale.

”Purtroppo – spiega Gioveni – questi miei interrogativi nascono dopo aver raccolto in questi giorni la delusione di parecchi cittadini disoccupati nel settore edile che si sono presentati in questi cantieri, ma senza ottenere l’auspicato riscontro in quanto già dotati di personale.

Ma come è stato assunto questo personale? – si chiede il consigliere. E quando? E’ stata fatta una selezione pubblica? Una manifestazione di interesse? Un interpello? Un protocollo d’intesa con i sindacati?

Non si contano più i tanti nostri concittadini disoccupati – commenta amareggiato Gioveni – che, in virtù di un impegno assunto anche da questa Amministrazione di far rispettare, pur non essendo obbligatoria per legge, questa “clausola sociale”, sono rimasti a bocca asciutta nonostante queste grandi opportunità occupazionali sembrassero davvero a loro portata di mano!

L’edilizia nella nostra città è paralizzata da fin troppo tempo – evidenzia il consigliere comunale – e la clausola sociale negli appalti non può che rappresentare davvero la ‘svolta’ che ci si attendeva per far risollevare l’intero settore edile e tutto ciò che ruota attorno ad esso, vero volano per l’economia messinese che purtroppo al momento non vive di altro.”

Gioveni conclude invitando il sindaco e l’assessore ai lavori pubblici, Mondello a verificare quanto avvenuto o no in questi cantieri, esortando inoltre le imprese aggiudicatarie a ricorrere a mano d’opera locale per l’esecuzione dei lavori.

Livia Di Vona

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.