Condividi:

Celebrati stamane, al Duomo di Messina, i funerali del giornalista Pierluigi Mollica, 59 anni. Una folla commossa, tra familiari, amici e colleghi, ha preso parte alle esequie.

L’ultimo saluto ad un uomo gentile, nelle parole del celebrante, padre La Speme: “Ha vissuto nel segno della gentilezza, disponibilità ed educazione – ha detto Pippo Trimarchi, editore di Tempostretto e socio di Pierluigi – Il suo messaggio era: proposta, non imposizione. Non c’è nulla di più rivoluzionario della gentilezza, per questo dobbiamo prendere questo messaggio di vita facendolo diventare bandiera e ideale della nostra”.

Presenti anche le ragazze della squadra di basket San Matteo, seguita da Mollica. Il suo esempio, ha continuato padre La Speme sia uno sprone nell’impegno “a volerci realmente bene”.

Commosso il saluto dell’amico e socio nell’avventura editoriale di Tempostretto, Pippo Trimarchi, che ha ricordato l’educazione, la gentilezza e la disponibilità di Pierluigi Mollica, che devono diventare “bandiera e ideale della nostra vita”.

Anche le ragazze del San Matteo Basket lo hanno ricordato: “Avevi sempre una buona parola per noi, ci hai trasmesso la tua passione per il basket e per la vita”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.