Condividi:

Nessun bando per la riassunzione all’orizzonte -nonostante le rassicurazioni dell’azienda nei mesi scorsi- e 11 letturisti Amam si mobilitano nuovamente. Protesta, nella mattinata di oggi, davanti a Palazzo Zanca.

Da mesi attendono la pubblicazione del bando. Sono gli undici “letturisti” Amam che questa mattina sono tornati a protestare a Palazzo Zanca per chiedere la pubblicazione del bando funzionale alla loro riassunzione. Sono in attesa dall’estate scorsa, quando azienda e amministrazione avevano dato  rassicurazioni in tal senso.

«Resteremo qui sino a quando sarà necessario – ha detto Stefano Trimboli, segretario generale della Femca Cisl di Messina – ormai aspettiamo da mesi che il bando venga pubblicato e all’interno del quale, non ci dimentichiamo, ci dovrà essere una clausola di salvaguardia che garantisca il riassorbimento dei lavoratori. I tempi, rispetto alle promesse, si sono inspiegabilmente allungati. Le rassicurazioni dell’Amam e dell’Amministrazione comunale adesso devono diventare fatti concreti perché i lavoratori sono, ormai, fermi da troppi mesi».

Dopo l’incontro, avvenuto nella tarda mattinata, tra il sindaco De Luca e il segretario generale della Femca, Stefano Trimboli, è stato fissato un appuntamento per venerdì prossimo per discutere della vertenza alla presenza dei vertici dell’Amam.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.