Messina. Rosario Duca (Arcigay Makwan): amministrazione non pervenuta sulle Pari Opportunità

Macrolibrarsi

Con una dura nota, il presidente di arcigay Messina Rosario Duca, interviene sul lassismo dell’amministrazione De Luca, in particolare dell’assessore Previti, sul tema delle pari opportunità e mette in risalto la diversa sensibilità della precedente amministrazione.

“Le pari opportunità sono un principio giuridico inteso come l’assenza di ostacoli alla partecipazione economica, politica e sociale di un qualsiasi individuo per ragioni connesse al genere, religione e convinzioni personali, razza e origine etnica, disabilità, età, orientamento sessuale o politico.
La discriminazione basata su religione o convinzioni personali, handicap, età o tendenze sessuali è proibita in tutta l’Unione europea poiché può pregiudicare il conseguimento degli obiettivi del trattato CE, in particolare il raggiungimento di un elevato livello di occupazione e di protezione sociale, il miglioramento del tenore e della qualità della vita, la coesione economica e sociale, la solidarietà e la libera circolazione delle persone. (Wikipedia).

Mail, documenti protocollati, telefonate, incontri, PEC non sono bastate a far comprendere l’importanza del funzionamento della delega alle Pari Opportunità. Oltre un anno di solleciti per ricevere blande promesse che mai sono state mantenute. Oggi diciamo basta.

La titolare di questa delega l’Assessora Previti sicuramente sarà oberata d’impegni per quanto concerne le altre deleghe al punto di ritenere secondarie le istanze per la tutela dei tanti. A seguito acceso colloquio telefonico a fine settembre si era data 15 giorni per riconvocare almeno il tavolo contro l’omobitransfobia e la violenza di genere avviata con successo dalla precedente amministrazione. Alla scadenza del tempo fissato nulla si è visto.
Pertanto ho già inviato una mail all’assessora Carlotta Previti chiedendole di rimettere la delega P. Opportunità.
La ringraziamo per la gentilezza sempre dimostrata e l’ottimo dialogo che si era instaurato. Ma non basta a tutelare i diritti.”

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.