Milazzo. Appalto settennale rifiuti, affidamento alla Caruter dal 15 dicembre. Occupazione e rapporti con le industrie, interviene consigliere Coppolino

Macrolibrarsi

Il dirigente del 4° settore “Ambiente e Territorio”, Tommaso La Malfa ha firmato oggi la determina che assegna il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani della città di Milazzo alla Caruter di Brolo.

Il provvedimento prende atto della sentenza del Tar di Catania che ha accolto il ricorso della ditta di Brolo nei confronti dell’originaria aggiudicataria della gara, la Tech di Siracusa, aggiudicando il servizio per i prossimi sette anni alla società Caruter srl che ha offerto il ribasso del 8,22% sull’importo a base d’asta pari a 32 milioni e 175 mila euro. Il costo complessivo per il servizio sarà dunque di euro 29.530.500,07 più Iva oltre oneri per la sicurezza pari a 4 mila e duecento euro. La data di avvio del servizio è stato fissato al 15 di dicembre del 2019.

Il consigliere comunale Francesco Coppolino ha diffuso la nota allegata al presente comunicato con la quale fa il punto sulla situazione occupazionale di Milazzo e del comprensorio e sollecita interventi finalizzati a modificare i rapporti tra le istituzioni e le industrie attraverso la stipula di intese ufficiali che consentano di poter coniugare “lavoro e territorio, in un momento in cui è necessario guardare all’occupazione come il prioritario dei problemi, senza per questo pregiudicare l’universale diritto alla salute di tutti noi e l’ambiente”. Il protocollo – sottolinea ancora il consigliere – potrebbe anche contenere i punti cardine degli interventi, delle iniziative da portare avanti nell’interesse della comunità. Evitare i sostegni sporadici ma mettere nero su bianco, gli interventi economici o strutturali di cui la città realmente necessita e che l’azienda potrebbe realizzare per mitigare la presenza sul territorio”.

La redazione è composta da uno staff qualificato, giovane ed intraprendente. Orientati all'informazione, accettano le sfide che quotidianamente si presentano.